Requisiti e documenti necessari per avere un mutuo da Poste

La rosa dei servizi di Poste Italiane si amplia fino all’erogazione dei mutui riservati ai suoi clienti BancoPosta. Ecco cosa è richiesto

Mutuo Poste, requisiti e documenti necessari: cosa serve
Mutuo BancoPosta (Foto Adobe)

Non è un cielo roseo quello che si staglia sulle finanze di molte persone, in questo particolare momento storico. Altri soggetti possono contare, al contrario, su una buona copertura di risparmi, la quale permette loro di non rinunciare alla possibilità di qualche investimento o di realizzare finalmente un desiderio tanto atteso. Certo, gli aggiornamenti della crisi internazionale, pur non coinvolgendo alla medesima maniera, non rimangono affatto fuori i confini del nostro conto corrente.

Tra i soggetti più esposti, non bisogna escludere i più giovani, che si confrontano con le iniziative della maturità, col desiderio di autonomia non soltanto finanziaria ma anche casalinga. Insomma, l’acquisto di una prima casa rappresenta un desiderio molto comune e ad ogni modo, trainante l’economia italiana. Ai futuri neoproprietari viene però chiesto – dalle circostanze – di formarsi una cultura finanziaria relativa agli investimenti, per “gestire” la scelta di richiedere un mutuo presso gli istituti di credito.

Mutuo Poste, cosa non dimenticare

Mutuo Poste, requisiti e documenti necessari: cosa serve
Mutuo BancoPosta (Foto Adobe)

L’offerta, come sappiamo, è vasta e variegata, quanto sono gli approcci sull’argomento. Sulle base delle proprie esigenze di vita, può convenire un mutuo a tasso fisso o a tasso variabile, ma sta di fatto che occorre valutare al meglio le condizioni per poter sopportare qualsiasi oscillazione e sorpresa data dal comportamento dei mercati. E questo tempo è sufficientemente emblematico.

La scelta di un mutuo a tasso fisso è tutto sommato una scelta sicura, di garanzia, la quale immobilizza l’importo per tutta la durata delle rate; con ciò, sono assenti margini migliorativi, a meno che non si abbia la consolazione di un tasso favorevolissimo. Diversamente, il tasso variabile coglie tutte le punte positive, ma anche quelle negative, da cui non si sfugge (come l’incremento di questi ultimi dimostra).

Leggi anche: Quanto si paga all’anno per avere un libretto postale?

Poste Italiane eroga mutui per l’acquisto della casa o per la ristrutturazione, e pertanto vale la pena riflettere sulle sue proposte che si fanno interessanti nella condizione di essere correntisti BancoPosta. Possono richiederne uno anche gli stranieri extra-EU residenti in Italia da almeno 2 anni. Oltre ai documenti di riconoscimento, bisogna produrre i seguenti certificati: residenza; stato di famiglia; iscrizione all’albo (per i liberi professionisti); un estratto aggiornato dell’atto di matrimonio (con annotazione del regime patrimoniale).

Leggi anche: Chiudere la Postepay (in questo caso) si paga

Per la valutazione del reddito occorrono: copia delle ultime tre buste paga o degli ultimi due cedolini di pensione; copia dell’ultimo modello CUD o 730/Unico. Per l’acquisto di un immobile, copia dell’atto di provenienza dell’immobile, del preliminare di compravendita, copia del certificato di abitabilità (licenza di occupazione o d’uso), planimetria e visura catastale; per la ristrutturazione, si deve aggiungere, al posto del preliminare, il dettaglio delle spese di ristrutturazione.