Digitale terrestre, come avere un risarcimento con la vecchia Tv

Se vi siete resi conto che a causa dei cambiamenti del digitale terrestre la vostra vecchia tv non è più idonea alla ricezione del segnale dovete necessariamente acquistarne una nuova. Esiste qualche bonus che potete richiedere? Potete forse anche chiedere un risarcimento?

bonus tv digitale
Digitale terrestre (foto Unsplash)

Con la conclusione delle operazioni di refarming che ci hanno accompagnato nel corso di questi primi sei mesi del 2022 moltissime famiglie italiane hanno dovuto fare i conti con la necessità di acquistare un nuovo decoder o una nuova TV per continuare a vedere i canali del digitale terrestre. Vediamo quindi se esistono e, nel caso, se sono ancora attivi bonus o altre forme di risarcimento per chi si trova costretto a acquistare ora un nuovo apparecchio televisivo.

Perché è innegabile che ci troviamo in una situazione per cui tanti vorrebbero evitare di dover acquistare una nuova televisione e magari mettere da parte un po’ di soldi per una possibile emergenza. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha però approntato alcune misure. Vediamole insieme.

Digitale terrestre, come risparmiare con la nuova TV liberandovi della vecchia

bonus rottamazione tv
Digitale terrestre (foto Canva)

In realtà per poter andare incontro ai cittadini che si sono trovati nella condizione di dover necessariamente acquistare un televisore di nuova generazione per poter continuare a vedere i canali del digitale terrestre, i governi degli ultimi cinque anni hanno messo in campo una serie di risorse per poter aiutare le famiglie in difficoltà.

Esistono infatti due bonus che è possibile richiedere. Uno è quello denominato bonus TV decoder, inaugurato alla fine del 2019 e richiedibile fino al prossimo 31 dicembre 2022 salvo esaurimento delle risorse stanziate per il bonus stesso. Si tratta di un bonus che può essere richiesto una sola volta da ciascuna famiglia che si trovi ad avere un ISEE entro i 20mila euro e ha un valore pari fino a 30 euro.

Leggi anche: Digitale terrestre, assurdo quel che sta accandendo a molte Tv

Esiste poi secondo bonus denominato rottamazione TV, inaugurato nell’agosto dell’anno scorso e disponibile anch’esso fino alla fine di quest’anno o, di nuovo, fino all’esaurimento dei 250 milioni di euro che sono stati stanziati. Per avere questo bonus rottamazione TV occorre rottamare un apparecchio acquistato prima del 22 dicembre 2018. In questo caso il bonus è pari al 20% del prezzo di vendita del nuovo televisore che si va ad acquistare e il valore massimo del bonus è di 100 euro.

Leggi anche: Digitale terrestre, perché questi canali sono ancora “provvisori”?

La rottamazione degli apparecchi avviene negli stessi rivenditori. A questo link vi lasciamo la lista dei rivenditori aderenti individuati dallo stesso Ministero. Per poter usufruire di uno di questi due bonus occorre compilare l’autocertificazione messa a disposizione di nuovo dal Ministero dello Sviluppo Economico: qui per il bonus TV decoder e qui per il bonus rottamazione tv.