Cartelle esattoriali, il Fisco torna a braccare: novità da settembre

Cartelle esattoriali, torna l’incubo: si registrano novità importanti in vista di settembre. Ecco cosa succederà e cosa sta già succedendo 

Pace fiscale
Atti ufficio (Foto Pixabay)

L’ombra del Fisco torna a stagliarsi sugli italiani. Dopo una lunghissima tregua dovuta all’emergenza da Covid-19 che ha comportato più rinvii per i pagamenti, ora la macchina burocratica si sta per rimettere in moto. E lo sta facendo con tutto il suo cinismo e ‘brutalità’ che la contraddistinguono, per milioni di lettere che ora arriveranno a tantissimi italiani.

Cartelle esattoriali, notifiche in arrivo dal Fisco

Cartelle esattoriali
Pixabay

Di chi parliamo in particolare? Di coloro che avevano avuto cartelle esattoriali già notificate prima della sospensione decisa dai vari decreti: questi, salvo un nuovo intervento governativo al momento non previsto, dovranno mettersi in regola entro il prossimo 30 settembre. L’Agenzia delle Entrate pertanto si concentrerà a notificare circa 60 milioni di cartelle relative all’8 marzo del 2020 quando è poi subentrato lo stallo totale.

Leggi anche: Se hai una postepay dovresti attivare quest’opzione (fondamentale)

Molti contribuenti, tuttavia, hanno già fatto i primi conti ad agosto. Come evidenziato da IlSole24ore, il calendario fiscale presentava due date cerchiate in rosso per il recupero crediti: da una parte il 2 agosto relativo alle cifre che andavano saldate tra febbraio e marzo dello scorso anno, dall’altro il 31 agosto per adempiere con la rata della rottamazione ter che andava pagata in teoria entro la fine di maggio di quest’anno.

In totale sarebbero addirittura 163 gli obblighi fiscali in calendario partiti dallo scorso venerdì e che si porteranno fino a fine mese.