WhatsApp, altra novità per le videochiamate di gruppo

Continuano gli aggiornamenti di WhatsApp riguardo in particolare le chiamate di gruppo

WhatsApp, altra novità per le videochiamate di gruppo
Pixabay

Nuovo aggiornamento per WhatsApp e per le funzioni che riguardano le chiamate e le videochiamate di gruppo: adesso è possibile entrare anche se la chiamata è già iniziata senza far partire una nuova conversazione per i ritardatari.

L’annuncio di questa nuova funzione è stato fatto direttamente da Mark Zuckerberg, il patron di Facebook, accompagnato anche da una nuova veste grafica per rendere più chiara la novità.

WhatsApp: chiamate quando volete

WhatsApp, altra novità per le videochiamate di gruppo
Pixabay

La novità introdotta su WhatsApp serve chiaramente per mettere l’app di messaggistica istantanea posseduta da Facebook nelle condizioni di gareggiare ad armi pari con gli altri servizi che offrono chat di gruppo e videochiamate. In particolare Google meet e Zoom dove, appunto, è possibile partecipare ad una videochiamata di gruppo che è già iniziata se si è stati invitati e non si è risposto subito all’invito.

Per rendere più chiaro l’aggiornamento, anche l’aspetto grafico della schermata principale di WhatsApp è stato modificato in maniera tale che se si partecipa ad una chiamata o ad una videochiamata di gruppo queste vengono messe immediatamente in cima alla lista delle chat. In questo modo, anche se si è perso il momento in cui la videochat è stata avviata, è possibile entrare in un secondo momento e aggiungersi agli utenti.

Leggi anche: Samsung Galaxy S21 FE, spunta Exynos accanto a Snapdragon

Quello delle videochiamate e delle chiamate a rate è solo l’ultimo degli aggiornamenti che WhatsApp sta sfornando con una certa frequenza per cercare di mantenere il suo ruolo dominante tra le app di messaggistica istantanea.

Leggi anche: Apple, con la nuova batteria magnetica cambia tutto

La novità più attesa resta comunque la possibilità multi-dispositivo, cioè avere lo stesso account su più dispositivi e non dover utilizzare il cellulare come testa di ponte.