Prima casa, agevolazioni anche senza spostare la residenza

Si può usufruire delle facilitazioni per l’acquisto della prima casa anche nel comune in cui si lavora senza bisogno di spostare la residenza

imu
(pixabay)

Le agevolazioni sulla prima casa sono dei sostegni economici nell’acquisto della residenza principale e nell’arredo fondamentale. Sono erogati sotto forma di detrazione fiscale, nell’arco di 5 anni.

Si può acquisire determinate agevolazioni solo per quella che viene riconosciuta prima casa, per cui è necessario avere la residenza nell’appartamento le cui spese vengono detratte dalle imposte. Il cambio di residenza va effettuato entro 18 mesi dall’acquisto della casa, pena la decadenza delle sovvenzioni.

Ma esistono delle deroghe assolutamente legali. Le norme tributarie stabiliscono che si può usufruire del bonus prima casa anche senza spostare la residenza nel comune dove l’immobile è locato.

E’ necessario però dimostrare che l’appartamento in questione sia ubicato nel comune in cui si svolge l’attività lavorativa principale. In questo caso si può usufruire delle agevolazioni senza chiedere il cambio di residenza.

Leggi anche: Cashback, è confermato: ecco chi ha vinto i 1.500€ 

Agevolazioni prima casa senza residenza, i rischi

casa
(pixabay)

Per usufruire del bonus prima casa nel comune di lavoro senza spostare la residenza bisogna fare attenzione a determinate postille.

Con il cambio di residenza è possibile vendere l’appartamento, per il quale si richiede il bonus, prima della scadenza dei 5 anni. Conditio si ne qua non è che si acquisti un altro immobile locato nello stesso comune in cui si svolge l’attività lavorativa entro 12 mesi dalla vendita. In questo caso si può ottenere l’agevolazione integralmente.

Al contrario, se non si sposta la residenza, il contribuente non può vendere l’immobile prima dei 5 anni, pena la decadenza del bonus.

Leggi anche: Cashback, un dettaglio farà perdere i 1.500€ a molti

Tirando le somme, è possibile usufruire del bonus prima casa senza spostare la residenza, ma è più facile incorrere nel rischio di perdere l’agevolazione.