Dati vaccinali degli italiani rubati e venduti online: è allarme

Un hacker ha pubblicato un annuncio di vendita per i dati personali, compresi quelli vaccinali per il Covid, di milioni di Italiani

Dati vaccinali degli italiani rubati e venduti online, è allarme
Pixabay

Sarebbero milioni, più di 7, e sarebbero in vendita al miglior offerente nel Dark Web: i dati di cittadini italiani presi dai database vaccinali.

L’accatto sarebbe stato effettuato tra fine febbraio e inizio marzo e le immagini che l’hacker ha usato per attirare possibili acquirenti sono reali e riscontrati.

C’è quindi, ancora, un pericolo sicurezza per i dati personali dei cittadini italiani. Qualcosa che la neonata agenzia per la cybersecurity deve sbrigarsi ad affrontare.

Leggi anche: Federbio, la polemica sul biodinamico ritarda l’approvazione della legge sulla certificazione biologica

Cybersecurity groviera e i dati vaccinali vanno all’asta

Dati vaccinali degli italiani rubati e venduti online, è allarme
Pixabay

Non è la prima volta, e purtroppo probabilmente non sarà l’ultima, che i dati personali degli Italiani, compreso lo status vaccinale, finiscono in vendita nel Dark Web. Stavolta è stato un hacker a muoversi e a penetrare quelle da lui stesso definite difese imbarazzanti e ad appropriarsi dei dati di oltre 7 milioni di cittadini.

I dati sono completi, dalla mail al codice fiscale fino alla vaccinazione Covid. Una intromissione gravissima nella privacy degli Italiani, che ora sono esposti a qualunque tipo di attacco.

Leggi anche: “Un ecosistema soffocato dalla plastica”, l’allarme di Legambiente in occasione della…

La sicurezza delle infrastrutture pubbliche torna quindi prepontentemente in primo piano anche perchè ora abbiamo una Agenzia Nazionale per la Cybersecurity che deve affrontare e risolvere propri oquesto genere di minacce.

I dati raccolti dall’hacker in questo attacco comprendono tutti i principali dati sensibili dei cittadini e possono essere utilizzati per le truffe più disparate: dai call center molesti fino al furto di identità vero e proprio. Con il Green Pass che si baserà proprio sui dati vaccinali pronto a debuttare, sarà necessaria una revisione dei sistemi di sicurezza statali.