Virus informatici, il 2020 è l’anno degli attacchi malware: +54%

Il 2020 è stato un anno da incubo anche a causa degli attacchi informatici, con un +54% di quelli portati avanti con tecniche malware, che diffondono virus informatici in grado di carpire informazioni o prendere il controllo delle macchine che infettano.

Virus informatici, il 2020 è l'anno degli attacchi malware: + 54%
Virus informatici, il 2020 è l’anno degli attacchi malware: + 54% (foto: pixabay)

Rispetto al 2019, il 2020 ha visto crescere del 54% gli attacchi malware. I virus informatici e gli attacchi alle società in generale sono cresciuti del 91% con una prevedibile crescita nel numero di istituzioni mediche.

Si tratta di numeri che devono far riflettere su quanto ancora le infrastrutture aziendali siano permeabili agli attacchi di malintenzionati che sono in grado quindi di sfruttare qualunque falla o pertugio nei sistemi di sicurezza. Ne abbiamo avuto riprova con gli attacchi malware portati a compimento contro grandi società, per esempio istituti di assicurazione o contro il distributore di carburante della costa est degli Stati Uniti.

Virus informatici: i numeri in crescita

Virus informatici, il 2020 è l'anno degli attacchi malware: + 54%
Virus informatici, il 2020 è l’anno degli attacchi malware: + 54% (foto: pixabay)

Stando a quanto riportato da Help Net Security, rispetto al 2019 gli attacchi sono cresciuti del 51% e ben 7 ogni 10 sono stati attacchi con virus informatici e strumenti destinati a singole società o soggetti. Particolarmente colpiti sono le istituzioni governative, le società industriali e quelle mediche. Gli attacchi malware sono poi cresciuti del 54% rispetto al 2019.

Nel panorama di questo genere di attacchi informatici, è venuto fuori che di solito gli attacchi verso i singoli vengono portati avanti con trojan bancari che servono a portare via i dati relativi ai sistemi di pagamento per poterli poi utilizzare per svuotare i conti, e gli spyware che tengono d’occhio le attività di tutto il computer per poter eventualmente carpire informazioni.

Leggi anche: La spesa degli italiani è sempre più green, giro d’affari cresciuto del 7,6 per cento

Le società invece solitamente vengono colpite attraverso i ramsonware che bloccano  o rubano pacchi di dati per poi chiedere un riscatto. In totale i ransomware sono stati utilizzati nel 45% degli attacchi malware destinati alle organizzazioni. In questa classifica dei virus informatici con riscatto, gli attacchi alle istituzioni mediche sono quelli più numerosi. Sì e poi vista la crescita del trend del doppio riscatto: i malintenzionati, infatti, oltre a chiedere un riscatto per decriptare i dati chiedono altri soldi per mantenere privato e le informazioni che sono state carpite.

Leggi anche: Esiste un legame tra Chernobyl e il Covid, la paura dell’altro raccontata da chi è sopravvissuto

Il problema della Sicurezza Informatica aziendale è un problema che ha ripercussioni globali, come ricorda anche Dmitri Darensky, Head of Industrial Cybersecurity Practice di Positive Technologies, che ha redatto l’analisi sulle minacce informatiche e i virus.