Cashback, si allarga la classifica per i 1.500 euro?

Cashback, possibile colpo di scena nel pieno della corsa ai 1.500 euro. Ecco cosa potrebbe accadere a gran sorpresa 

cashback
Foto Pixabay

Continua sfrenata e imperterrita la corsa al cashback e in particolare al supercashback, ovvero il concorso extra da 1.500 euro per i primi 100.000 utenti col maggior numero di transazioni. Ma attenzione che questa classifica non si possa allargare a sorpresa in questo rush finale. I numero totale di premiati alla fine resterebbe lo stesso, ma a cambiare potrebbe essere il numero di selezionati totali per un motivo preciso: l’eventuale squalifica dei furbetti.

Se quest’ultimi dovessero essere davvero falciati come promesso dalle Istituzioni, si aprirebbe infatti uno squarcio nell’altissima classifica. Vuoto in cui entrerebbero tutti gli altri italiani in corsa, andando così man mano a scalare nella graduatoria.

Leggi anche: Cashback, non commettete questo errore. Vi costerebbe caro

Cashback, si va verso il ripescaggio per i 1.500 euro?

Bonus Cashback
Pixabay

Il che significa, sempre se dovessero essere presi i provvedimenti assicurati contro chi ha abusato delle regole, che alla fine potrebbero rientrare nella premiazione anche coloro che finirebbero fuori dalla zona vincente. Ora bisogna solo capire quando e se vi sarà l’intervento: se all’improvviso, con una brutta sorpresa una volta aperta l’applicazione per molti, o se a fine annata quando bisognerà pubblicare la classifica definitiva.

Allo stato attuale, considerando lo scenario attuale, tutto fa propendere più per la seconda opzione con un’unica maxi squalifica a fine primo semestre.  E’ chiaro che i provvedimenti verrebbero presi in primis contro coloro che hanno preso letteralmente d’assalto di notte i distributori di carburante, con rifornimenti a suon di 50 centesimi o anche meno, e chi ha abusato oltremisura delle micro-transazioni.

E sarà proprio questa una delle grandi novità per cui si lavora in ottica del secondo semestre: fissare una soglia minima economica per poterla ritenere un’operazione valida, attorno ai 4-5 euro, così da evitare le micro-operazioni che più di tutto hanno falsato questa primissima competizione. Nel frattempo, per vincere il bottino, si va in proiezione delle 580 operazioni.