Dove vive Emanuele Filiberto? La casa da sogno del principe

Emanuele Filiberto è un personaggio televisivo nonché nipote dell’ultimo Re d’Italia. Ma sapete dove vive? Scopriamo insieme la casa da sogno del principe.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Emanuele Filiberto di Savoia (@efsavoia)

La storia di Emanuele Filiberto è ovviamente legato a quella della sua famiglia. Il principe è rimasto lontano dall’Italia a causa del regime di esilio previsto dalla Costituzione repubblicana per i discendenti maschi degli ex re d’Italia. E’ potuto tornare nel Bel Paese solo nel 2002. Sorridente, acuto e sempre disponibile si è fatto largo sul piccolo schermo. Si è fatto conoscere dal grande pubblico italiano partecipando a Ballando con le stelle.

Ha partecipato Festival di Sanremo con la canzone Italia amore mio, insieme con Puto e il tenore Luca Canonici, piazzandosi al secondo posto nella classifica della kermesse ligure. In questo periodo è impegnato ad Amici il talent di successo di Canale 5 condotto da Maria De Filippi, ma avete mai visto dove vive?

Leggi anche: Barbara D’Urso, ufficiale: chiusi tutti i programmi. Il motivo è economico

Dove vive Emanuele Filiberto?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Emanuele Filiberto di Savoia (@efsavoia)

Emanuele Filiberto vive nel Principato di Monaco insieme alla sua famiglia, in un’abitazione da sogno, in uno dei luoghi più suggestivi del pianeta. Il nipote dell’ultimo Re d’Italia non ha mai pubblicato particolari della sua abitazioni che dovrebbe comunque essere corredata da importanti oggetti che ripercorrono la storia della sua famiglia, e di conseguenza del nostro paese.

Il principe possiede un’abitazione anche a Parigi, casa presa di mira dai ladri nel 2019. Secondo quanto riportato da Le Parisien i malviventi riuscirono a portare vie ben 500mila euro.

Leggi anche: Gratta e vinci da sogno: cifra clamorosa col resto del caffè

Per quanto concerne la sua casa di Ginevra dalle immagini postate sui social si possono ammirare dipinti e sculture di vario genere che ornano e decorano il salone principale.