Dentista muore e lascia un’eredità milionaria ai poveri. Parenti esclusi

Un dentista 91enne esclude i parenti dalla successione dei suoi beni. La clamorosa cifra viene lasciata interamente alle persone bisognose

eredità dentista
Banconote (Pixabay)

Una storia che ha dell’incredibile e che sembra quella di una scena di un film che ha ad oggetto l’eredità di un nobile aristocratico. Con i parenti in fila per i lasciti testamentari. Invece siamo ai giorni nostri, e l’eroina in questo caso è una dentista in pensione, scomparsa all’età di 91 anni nel mese di marzo scorso.

Tutti i parenti sono stati esclusi dalle pratiche di successione per un motivo che la donna ha pubblicamente esplicitato nelle memorie testamentali che sono state lette in presenza di notaio che ha comunicato le volontà della persona deceduta. E’ accaduto a Genova, con la notizia che ha lasciato senza parole gli abitanti del capoluogo ligure.

Leggi anche: Energia elettrica, quanta ne consumano i PC e le console? Ecco le bollette

Come si apprende dalle colonne del Secolo XIX la donna ha voluto escludere perentoriamente dai suoi possedimenti tutti i parenti, escluso il marito che ha potuto invece avere una casa a Prato Nevoso (Cuneo), località sciistica che indica la situazione benestante della donna. Ma scopriamo nel dettaglio la cifra clamorosa che la donna ha destinato in beneficenza e le motivazioni che ha dato.

Dentista devolve l’eredità milionaria in beneficenza

eredità dentista
Banconote (Pixabay)

La 91enne dentista in pensione aveva accumulato in vita una grossa somma che probabilmente faceva gola ai suoi parenti. Non avendo figli, ha optato per una decisione clamorosa e che la porta ad essere considerata come una vera eroina in quanto la sua azione non è da tutti.

“Confesso che non riesco a perdonare le angherie che i parenti di mio cognato hanno inflitto a me e a mio marito”. Questo il messaggio che la donna ha rilasciato ai parenti, e per questo motivo ha preferito dare in beneficenza il suo patrimonio di 5 milioni di euro. Nello specifico 2,5 milioni sono andati alla Lega del Filo d’Oro, 1,5 milioni ai bisognosi di Genova assistiti dalla congregazione delle sorelle dei poveri. Una casa sulle Dolomiti all’associazione italiana sulla ricerca sul cancro.

Leggi anche: Coprifuoco, sta per cambiare l’orario in Italia: ecco il nuovo limite

Il suo nome è Angela Torelli, che ha donato 20mila euro alla donna di servizio ed all’amministratore che si occupava delle pratiche immobiliari.