Codacons contro Calenda, lettera a Letta: il motivo

Il Codacons si è schierato apertamente contro Carlo Calenda per quanto concerne la candidatura a sindaco di Roma.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carlo Calenda (@carlocalenda)

Il Codacons ha preso una posizione netta nei confronti della candidatura a sindaco di Roma di Carlo Calenda, leader di “Azioni”. Il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori ha scritto una lettera al segretario del Pd Enrico Letta per esprimere tutto il proprio dissenso rispetto a questa ipotesi.

In particolare il Codacons si è detto contrario al sostegno da parte del Pd a Calenda. In realtà quella tra il leader di “Azioni” e l’associazione è una diatriba che si trascina da diverso tempo. Già nello scorso mese di ottobre, ad esempio, si è scatenato uno scontro per alcuni finanziamenti che, secondo l’associazione dei consumatori, il movimento politico dell’ex ministro dello Sviluppo avrebbe intascato.

Leggi anche: Monete da 1€: i pezzi che valgono un lingotto d’oro. Lista completa

Il Codacons contro Calenda: la lettera

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carlo Calenda (@carlocalenda)

Nella missiva inviata dal Codacons al segretario del Pd Enrico Letta, l’associazione prende una posizione molto netta e chiara: “esprimendo la propria contrarietà ad un eventuale appoggio del partito alla candidatura di Calenda a sindaco di Roma“.

Nel proseguo della lettera il mittente esclude, in caso di sostegno a Calenda nella corsa alla poltrona di sindaco di Roma, un boicottaggio del Pd a Roma: “Abbiamo ritenuto doveroso informare il leader del Pd della netta opposizione dei consumatori alla candidatura di Calenda. Eventualità che ci porterebbe ad avviare un boicottaggio del Pd a Roma“.

Leggi anche: Monete rare, la lista di quelle che valgono una fortuna

Il Codacons rimprovera al leader di “Azioni” alcune decisione prese durante il mandato da ministro che, evidentemente, non sono piaciute all’associazione dei consumatori: “Ricordiamo che lo stesso Calenda, come Ministro dello sviluppo, ha privato i consumatori e le associazioni che li rappresentano dei fondi derivanti dalle multe Antitrust, ed è oggetto di denuncia penale in Procura oltre che di una azione risarcitoria dinanzi al Tribunale di Roma“.