Naspi, nuova proroga col Dl Sostegno: le ultime

Il nuovo Decreto Sostegno ha introdotto una nuova proroga della Naspi, l’indennità di disoccupazione.

Dl sostegni
Banconote (Foto Pixabay)

Il nuovo Decreto Sostegno fornirà una lunga serie di misure che serviranno per dare una boccata d’aria all’economia italiana. Quest’ultima è fortemente provata dalla situazione legata all’emergenza sanitaria. Moltissime attività commerciali, ristorative e ricettiva hanno chiuso i battenti, per quelle stagionali in molti casi non c’è stata la riapertura nel 2020, con un ingente danno provocato non solo agli imprenditori ma anche ai tanti dipendenti che si sono trovati senza lavoro.

Il vero dramma per queste famiglie è che per gli stagionali nei mesi nei quali è costretto a rimanere a casa, la Naspi rappresenta un sussidio fondamentale per garantirsi un tenore di vita decente. Senza lavoro, purtroppo, viene meno anche quest’ultimo con conseguenze catastrofiche. Fortunatamente nel Decreto Sostegno sono state inserite importanti novità in tal senso.

Leggi anche: NASPI marzo 2021, le novità sul pagamento: c’è una proroga

Proroga Naspi: quando arriverà il sussidio

Decreto sostegno
Banconote (Foto Pixabay)

A rassicurare tutti i lavoratori che attendono novità sulla Naspi ci ha pensato il Ministro Orlando, sottolineando che nessun lavoratore interessato resterà escluso dalla proroga. Al momento non è stato chiarito con esattezza quali saranno gli importi garantiti alle categorie interessate.

Con ogni probabilità saranno messe a disposizione tre nuove mensilità di indennità di disoccupazione tenendo senza dimenticare che nelle precedenti proroghe Naspi soltanto coloro la cui indennità era scaduta entro il 30 giugno 2020 hanno ricevuto il sostegno. Secondo la bozza la platea potrebbe allargarsi ulteriormente ma staremo a vedere.

Leggi anche: Naspi da 1.227,55 euro al mese: controlla se hai i requisiti

Quel che è certo è che un gran numero di famiglie, oltre che di lavoratori, ha la necessità che la Naspi venga riconosciuta anche in questo periodo. L’assenza di lavoro ha provocato danni incalcolabili alle famiglie italiane e il Governo deve necessariamente trovare un rimedio.