Naspi da 1.227,55 euro al mese: controlla se hai i requisiti

Alcuni cittadini possono ricevere una Naspi dal valore di 1.227,55 euro al mese. Per usufruirne, però, servono dei requisiti specifici.

Naspi
Pixabay

La Naspi è l’indennità di disoccupazione spettante ai cittadini che hanno perso involontariamente il proprio lavoro. A corrisponderla è l’Inps, L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

L’indennità può essere richiesta a partire dall’ottavo giorno ed entro 68 giorni successivi alla data di termine del rapporto di lavoro. In caso di licenziamento per giusta causa sarà possibile richiederla dal trentottesimo giorno.

La domanda per usufruire della Naspi potrà essere inviata in modalità telematica all’Inps attraverso il portale web. Per accedere si dovrà utilizzare lo Spid o la Carta nazionale dei servizi. In alternativa si potrà richiedere a un ente di patronato. Per avere informazioni più precise si può contattare il contact center dell’Inps, chiamando il numero gratuito 803 164,  da rete fissa, oppure il numero 06 164164 da rete mobile.

Dopo i ritardi nei pagamenti segnalati nel mese di febbraio, l’indennità di marzo dovrebbe pervenire senza problemi proprio in questi giorni.

Leggi anche: Naspi, i documenti da esibire per non perdere l’indennità

Naspi, le cifre per il 2021

Naspi
Pixabay

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, con la circolare numero 7 del 21 gennaio 2021, ha specificato che la cifra massima della Naspi è fissata a 1.335,40 euro. L’indennità di disoccupazione è pari al 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni. Si riduce del 3% al mese a partire dal quarto mese di erogazione in poi. La somma da prendere ad esempio per il 2021 è pari a 1.227,55 euro.

Leggi anche: Naspi, sarà prevista la proroga nel Decreto Sostegno?

Questa indennità di disoccupazione è corrisposta ogni mese per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive versate negli ultimi quattro anni. La Naspi è una retribuzione fondamentale per sostenere i lavoratori soprattutto in questo periodo di difficoltà sociale ed economica.