Rettifica Iva, come accedere al regime forfettario dal 2021

L’emergenza sanitaria ha fatto diminuire le entrate di molti contribuenti, per questo motivo si potrà ricorrere alla rettifica dell’Iva.

Rettifica Iva
Pixabay

A causa del perpetrarsi dell’emergenza sanitaria, diversi contribuenti – nel caso specifico i titolari di Partite Iva – hanno visto diminuire notevolmente le loro entrate. Per questo motivo, molti potranno decidere di ricorrere al regime forfettario per il 2021. Quest’ultimo si applica a quei micro-contribuenti con ricavi lordi fino a € 65.000,00.

L’art. 19-bis del DPR n. 633/72 stabilisce che per passare da un regime con Iva a un regime senza Iva, si debbano eseguire una serie di rettifiche con relativo pagamento dell’imposta. Questa sarà detratta dai beni non ancora ceduti e dai servizi non ancora utilizzati ed esistenti al 31 dicembre 2020.

In sostanza si deve procedere con la detrazione dell’Iva operata in passato e tale imposta va corrisposta con il saldo per l’anno 2020.

Leggi anche: Partite IVA, in piazza per protestare contro le difficoltà economiche

Rettifica Iva, il passaggio al regime forfettario

Rettifica Iva
Pixabay

La pandemia da Coronavirus ha intaccato in maniera drastica l’economia italiana. I titolari di partite Iva sono tra le categorie di lavoratori più colpite. Il perdurare dello stato di emergenza e delle restrizioni per contenere il contagio Covid, hanno reso lo scenario lavorativo ed economico molto incerto.

Di conseguenza, diverse Partite Iva hanno visto diminuire drasticamente le loro entrate, a tal punto da rientrare nella soglia per il regime forfettario.

Quanti decideranno di optare per la rettifica dell’Iva dovranno tenere bene a mente, in vista della dichiarazione Iva per l’anno d’imposta 2020, di barrare la casella VA 14. Questo perché sarà l’ultima dichiarazione in regime ordinario.

Leggi anche: Partite Iva, in arrivo il congedo parentale con il Decreto Sostegno

Per quanto riguarda la detrazione si ricorda che non va eseguita se sono trascorsi cinque anni dall’entrata in vigore del bene e 10 anni per gli immobili.