Microsoft, aperto a Milano uno spazio per insegnare la sicurezza informatica

Il Cybersecurity Experience fa parte di un più ampio progetto di investimento in Italia

Pixabay

Nel Microsoft Technology Center della Microsoft House a Milano è stato aperto il Cybersecurity Experience, dedicato all’educazione sulla sicurezza informatica. “Puntiamo a sensibilizzare grandi imprese, Pmi e Pubblica Amministrazione, sulle minacce informatiche e a promuovere la consapevolezza degli strumenti disponibili per proteggersi, nonché del valore del Cloud Computing a supporto della resilienza”, spiega Microsoft Italia. 

Il piano quinquennale, Ambizione Italia #DigitalRestart, prevede 1,5 miliardi di dollari di investimento in competenze e tecnologie da parte di Microsoft. L’aumento di campagne di phishing, soprattutto a tema Covid-19, evidenziano una scarsa capacità delle aziende italiane in fatto di cybersecurity.

I dati del Politecnico di Milano dimostrano che per il 40% delle imprese italiane sono aumentati gli attacchi informatici ma anche che il 19% delle grandi imprese ha diminuito gli stanziamenti dedicati alla sicurezza.

Leggi anche: Windows , nuovo aggiornamento in arrivo per le funzionalità 21H1

Il Cybersecurity Experience a Milano preparerà simulazioni e dimostrazioni di attacchi hacker. Saranno personalizzabili in base al settore dell’azienda e interattive. Verrà dedicato anche spazio per il Machine Learning e per insegnare l’importanza dell’Intelligenza Artificiale. Verranno organizzate anche attività di vulnerability e penetration test. È essenziale che aziende, istituzioni e policy maker si uniscano e condividendo informazioni per promuovere una cultura digitale improntata alla sicurezza“, ha spiegato Andrea Cardillo, il Direttore del Microsoft Technology Center.

Facebook, messaggi privati come tentativi di phishing

Pixabay

Un nuovo messaggio molto pericoloso gira su Facebook. Se aperto, può permettere ai malintenzionati di prendere il controllo di un profilo.

Leggi anche: Facebook, milioni di dati rubati a ignari utenti social

Il modo migliore per difendersi è non aprire il messaggio. L’ultimo pericoloso messaggio sembra arrivare da un account amico su Facebook ed è: “is that you?”; tradotto “sei tu?”. Ma si tratta dell’ennesimo tentativo di carpire i nostri dati sensibili.