Facebook, milioni di dati rubati a ignari utenti social

Alon Gal, esperto di sicurezza informatica, lancia l’allarme su Twitter: 36 milioni di profili Facebook sono stati compromessi e i dati rivenduti.

Facebook, milioni di dati rubati a ignari utenti social
Facebook, milioni di dati rubati a ignari utenti social (foto: Pixabay)

Sono 36 milioni i profili Facebook che sono stati compromessi e a cui sono stati rubati i dati nel corso di un attacco hacker avvenuto nel 2019. Lo comunica su Twitter Alon Gal, ricercatore ed esperto di sicurezza informatica.

 

Facebook: profili rubati e rivenduti

Facebook, milioni di dati rubati a ignari utenti social
Facebook, milioni di dati rubati a ignari utenti social (Foto: Pixabay)

L’attacco hacker di cui sono stati vittime 36 milioni di utenti e organizzato da alcuni hacker ha sfruttato una falla nella sicurezza del social. La falla ora è stata chiusa e il sistema reso più sicuro ma nel frattempo i dati di questi utenti, in pratica parliamo di un italiano su due, sono stati messi in vendita al prezzo di 20mila euro a contatto.

Per la compravendita, ha scoperto Gal, è stato utilizzato un famoso sito russo di comunicazione, Telegram, su cui gli hacker hanno caricato un bot, un piccolo programma automatico, che riusciva a gestire tutte le offerte e le transazioni. Scoperto il bot questo è stato bloccato ma la compravendita non si è fermata ed è continuata in privato.

Il rischio principale è che questi profili, con tutti i dati personali quindi indirizzi, numeri di telefono, non finiscano solo in mano ad altri hacker ma anche ad organizzazioni criminali. In questo secondo caso, i dati potrebbero essere utilizzati per portare avanti truffe ai danni di altri utenti o organizzare raggiri.

Ora la falla nel sistema di sicurezza di Facebook è stata risolta ma questo non deve portare ad abbassare la guardia perchè se è più difficile per gli hacker acquisire i dati personali degli utenti, bisogna anche stare attenti agli eventuali tentativi di phishing.

Per difendersi dal phishing è importante stare attenti a non aprire messaggi che invogliano a cliccare su link che rimandano ad altri siti, mentre per evitare che un eventuale hacker possa appropriarsi dei nostri dati social occorre ricordare di cambiare spesso la password che usiamo, non usare la stessa password su più siti, e non comunicarla a nessuno.