Alcune persone disabili hanno diritto all’esenzione del bollo auto sia se il mezzo è di loro proprietà sia se l’intestatario è un familiare.

Bollo auto
Pixabay

Per alcune persone disabili è prevista l’esenzione del bollo auto. La condizione a cui questa misura è subordinata è che il veicolo debba essere ad uso esclusivo del disabile. Oltre all’esenzione del bollo è possibile usufruire della detrazione fiscale del 19% sull’acquisto di un nuovo mezzo e dell’Iva agevolata al 4% invece del 22%.

Possono beneficiare dell’esenzione del bollo auto quattro gruppi di persone disabili:

  • chi presenta handicap grave mentale o psichico ed è titolare dell’indennità di accompagnamento. Per usufruire dell’esenzione deve disporre del verbale con annotazione di handicap grave ai sensi della Legge 104 art. 3 comma 3;
  • sordi, ipovedenti gravi e non vedenti;
  • chi presenta gravi limitazione delle capacità di deambulare – sempre in possesso del verbale con annotazione di handicap grave ai sensi della Legge 104 art. 3 comma 3;
  • chi è affetto da pluriamputazioni. Anche in questo caso si dovrà essere in possesso del verbale con annotazione di handicap grave ai sensi della Legge 104 art. 3 comma 3.

Le recenti disposizioni hanno stabilito che i verbali di handicap grave ai sensi della Legge 104 devono presentare il diritto alle agevolazioni fiscali con il relativo riferimento normativo.

Leggi anche: Bollo auto, per quanto tempo è necessario conservare le ricevute?

Bollo Auto, alla morte della persona disabile l’esenzione passa agli eredi?

Bollo auto
Pixabay

L’Agenzia delle Entrate, attraverso la risoluzione n. 136/E del 28 maggio 2009, ha fatto sapere che per quanto concerne l’Iva agevolata, nel caso del decesso di un familiare disabile, non è dovuto niente per differenza.

Leggi anche: Bollo auto storiche, agevolazioni e novità per il 2021

Inoltre, ha spiegato che l’esenzione del bollo per il possesso del veicolo finisce con il decesso della persona disabile di cui ci si stava prendendo cura. Perciò, gli eredi non hanno diritto all’esenzione e devono corrispondere il pagamento dell’imposta.