Digitale terrestre, arriva HELP Interferenze: nasce un importante servizio a favore dei cittadini. Ecco di cosa si tratta. 

Digitale terrestre
Pixabay

Nasce un nuovo servizio a favore dei consumatori: si tratta di HELP Interferenze, attività creata dal Ministero dello sviluppo economico per far fronte ai problemi di ricezione del digitale terrestre. In attesa dell’ampio e robusto switch off col passaggio al DVB-T2 fondato su trasmissione in 5G, l’ente governativo ha creato un nuovo riferimento dedicato a tutti i cittadini che in questi mesi potrebbero riscontrare problemi di ricezione.

Digitale terrestre, arriva Help Interferenze 

Digitale terrestre
Pixabay

Tale servizio sarà disponibile sia via on line, attraverso il proprio sito web, che telefonicamente attraverso il numero gratuito 800.126126. Chiunque dovesse riscontrare problemi con il proprio televisore associabili alla recezione dei segnali, quindi un’interferenza o un oscuramento di uno o più canali Tv, può segnalare il problema ottenendo una soluzione in tempi rapidi.

Leggi anche: Cashback Samsung, fino a 500€ di rimborsi su numerosi prodotti

In caso di effettivo problema, Helpe Interferenze invierà anche un tecnico specializzato per ovviare al problema: “In presenza dei requisiti tecnici e amministrativi richiesti per l’accesso al servizio – si apprende nella nota ufficiale – senza alcun costo per il cittadino, sarà inviato un antennista che effettuerà l’intervento di ripristino della corretta ricezione dei segnali televisivi presso l’indirizzo segnalato dal richiedente”.

Leggi anche: Whatsapp, arriva una nuova funzione video nella versione beta

A occuparsi di HELP Interferenze è stata la Fondazione Ugo Bordoni, un ente indipendente che agisce sotto la stretta e attenta supervisione del Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per le Comunicazioni. Con i consumatori che pagheranno niente, il corso del servizio in merito a eventuali intoppi andrà a carico degli operatori titolari delle frequenze in banda 800 MHz come stabilisce l’articolo numero 14, comma 2-bis del Decreto Legge n. 179/2012.