Il consumo circolare è uno dei passi da fare per ridurre lo spreco di risorse e vivere una vita più sostenibile. Adiconsum e APPLiA Italia hanno aperto quindi il progetto “2gether2green: Voglio una casa circolare”.

Consumo Circolare: la campagna Adiconsum contro lo spreco alimentare
Consumo Circolare: la campagna Adiconsum contro lo spreco alimentare (foto: Pixabay)

“2gether2green: Voglio una casa circolare” è un progetto portato avanti dall’Associazione dei produttori di elettrodomestici e Adiconsum per migliorare la consapevolezza dei consumatori riguardo l’impatto delle scelte che si compiono ogni giorno quando si fanno acquisti.

Leggi anche: Etichette alimentari, il manifesto di Altroconsumo

“2gether2green: Voglio una casa circolare”: consumo circolare, persona, ambiente

Consumo Circolare: la campagna Adiconsum contro lo spreco alimentare
Consumo Circolare: la campagna Adiconsum contro lo spreco alimentare (foto: Pixabay)

Il consumo circolare e più in generale l’economia circolare deve diventare un caposaldo della vita di tutti i consumatori. L’abbandono di un modello economico lineare, che vede cioè un prodotto finire in discarica al termine della sua vita, permetterebbe di ridurre la quantità di rifiuti prodotta da ciascuno di noi, migliorando quindi la gestione degli stessi.

Ma altri effetti positivi di una mentalità circolare sono un minor spreco di risorse economiche: sfruttando infatti le 3R, riciclo-riuso-riduco, è possibile risparmiare soldi.

Per un consumo circolare, Adiconsum consiglia, per esempio, di programmare la spesa e sfruttare al massimo la dispensa, utilizzare gli avanzi e scegliere prodotti con confezioni sostenibili, stando poi attenti a conservarli in casa in modo ottimale perchè non si rovinino.

Leggi anche: Spreco alimentare, piccoli passi avanti ma i numeri sono ancora alti

Questo è in buona sostanza lo scopo di Adiconsum che ha aperto anche “Shealthy”, un progetto per la promozione della ricerca di nuovi metodi di conservazione di frutta e verdura, per renderli più duraturi e sicuri, combattendo di nuovo lo spreco alimentare.