Dal primo febbraio ha avuto inizio la lotteria degli scontrini. Non tutti i commercianti, però, sono riusciti ad adeguarsi per tempo.

La lotteria degli scontrini è ufficialmente iniziata. Ogni mese consentirà a una platea di italiani di vincere somme importanti conservando le ricevute di spese effettuate senza pagare in contanti.

Al momento più della metà degli esercenti ha rifiutato la procedura per mancanza di adeguamento dei registratori di cassa. Qualcuno ha fatto finta di non conoscere le tempistiche, come se non sapesse la data di avvio della lotteria. Altri hanno scelto di rimandare di qualche settimana – comunque entro il termine fissato per la fine di marzo.

La spesa per modernizzare gli apparecchi o per acquisirne uno nuovo insieme all’apposito lettore ottico ammonta a 300 euro.

E ancora, altri commercianti hanno acquistato il lettore ma sono in attesa dei tecnici. Alcuni non sanno ancora bene come devono procedere. Pochissimi, invece, hanno avuto problemi di connessione. In tutto questo caos, ci rimettono anche i consumatori.

Leggi anche: Legge di Bilancio, il CTCU spiega le novità per i consumatori

Lotteria degli scontrini, quali conseguenze dovrà pagare il commerciante che non si adegua?

Lotteria degli scontrini
Pixabay

Il campo del commercio è ancora duramente provato dalla crisi scatenata dall’emergenza sanitaria da Coronavirus. Molti, a causa delle restrizioni, hanno dovuto chiudere le saracinesche dei loro negozi per sempre.

Di fronte a queste circostanza, il legislatore ha deciso di non vessare ulteriormente questa categoria. Così, in caso di vincita, se l’acquirente non raggiungerà il punteggio minimo previsto, potrà sempre esibire una fotocopia del suo estratto conto bancario alla segreteria premi per dimostrare di averne ottenuti a sufficienza. Ovviamente i pagamenti dovranno essere elettronici.

Leggi anche: Scontrini elettronici, stabilite le modalità di controllo e sanzione

Dal prossimo mese di marzo, però, i consumatori potranno iniziare a segnalare il commerciante che non trasmette il codice di acquisto all’Agenzia delle Entrate. Questa segnalazione accenderà l’attenzione sull’esercente inadempiente e comporterà, molto probabilmente, un accertamento per evasione fiscale.