Digitale terrestre, altra novità importante in Italia: è stato infatti spento il Canale Italia Mux 2 con tanti canali definitivamente cancellati dalla lista. 

In attesa del più ampio e penetrante switch-off in programma da settembre, in Italia si prosegue con piccole ma importanti novità sul fronte digitale terrestre. In queste ore, infatti, sono stati spenti gli impianti del Canale Italia Mux 2 per le regioni Valle D’Aosta, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna, Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.

Digitale terrestre, cancellati altri canali 

Digitale terrestre
Pixabay

Una novità che comporta la cancellazione immediata di alcuni canali non più disponibili. Nulla di allarmante tuttavia: si tratta di canali le cui trasmissioni erano state interrotte già lo scorso 22 gennaio. Nel frattempo sono stati già inseriti nuovi canali e per visualizzarli, come già noto ai più, bisogna fare nient’altro che l’aggiornamento.

Leggi anche: Digitale terrestre, il Tar respinge il ricorso di Cairo Network e Persidera

Si tratta di una novità che si inserisce nell’aggiornamento di questi giorni relativo al Mux Canale 10, una modifica che ha portato l’aggiunta di altri canali. Si ricorda che per verificare la compatibilità per il nuovo segnale DVB-T2, basato sulla trasmissione del 5G, ci sono diversi modi. Il più banale è accedere su un qualsiasi canale HD: se questi sono accessibili e soprattutto in alta definizione, il televisore è compatibile.

Leggi anche: Apple, in arrivo l’App Tracking Transparency per la privacy degli utenti

Altrimenti una controprova può esserci anche tramite i canali test 100 e 200. Se su uno di questi appare la scritta “Test HEVC Main10” è un segnale positivo. In caso contrario bisogna cambiare dispositivo o bisogna rafforzare l’attuale, seppur obsoleto, con un nuovo decoder ad hoc. Tendenzialmente tutti i televisori acquistati dal 1° gennaio 2017 in poi sono già predisposti per questa nuova modalità di trasmissione.