Imu: ecco un altro caso in cui è possibile non pagare l’imposta municipale unica. Si tratta di un caso singolare ma comunque frequente annunciato direttamente dalla Corte di Cassazione. 

Se siete purtroppo ai ferri corti col vostro partner, tanto da essere a un passo dalla separazione, potrebbe esserci quanto meno una magrissima consolazione per voi: ovvero l’esenzione dall’Imu. C’è infatti un caso particolare nella normativa italiana che prevede il mancato pagamento della tassa patrimoniale qualora due coniugi occupino due case differenti.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Mobili, approvata la proroga per detrazione Irpef

Imu, quando due coniugi possono non pagarla

Pixabay

Questo in genere è il preludio di una separazione che verrà poi certificata e ufficializzata successivamente, ma che nel frattempo questa concede alla coppia il mancato pagamento dell’imposta municipale unica. Si tratta dunque di un’inedita ‘zona grigia’ in attesa di un provvedimento di separazione.

Leggi anche: Buoni Fruttiferi Postali, come calcolare il valore di rimborso

Il tutto è applicabile purché i due abbiano residenze singole e separate. E stando a quanto chiarito di recente dalla Corte di Cassazione, colui che resta nella casa familiare è comunque esentato dal pagamento della cifra. Anzi: l’ente giuridico prevede l’esenzione dall’IMU anche se il coniuge rimasto nella casa familiare non ha i figli che convivono nella stessa. Il tutto è sempre rapportato al concetto di abitazione principale. E la legge prevede che nessuno sia costretto a pagare l’Imu su questa. Indipendentemente dal suo stato, se sia sposato, single o separato di fatto.