Con la Legge di Bilancio 2021 è stata confermata la proroga della detrazione Irpef del 50% per il bonus mobili. Di seguito tutti i dettagli.

Sarà possibile ottenere la detrazione Irpef del 50% per il bonus mobili fino al 31 dicembre 2021. A darne conferma la Legge di Bilancio – Legge n. 178/2020 – all’art.1, comma 58.

Per iniziare, è bene sottolineare che la soglia di spesa ammissibile è pari e non superiore a 16 mila euro. Questo significa che la detrazione Irpef, corrispondendo al 50%, potrà essere pari e non superiore a 8 mila euro. Tale premessa è fondamentale per non confondere la spesa con il recupero del credito.

La detrazione fiscale sarà distribuita su un arco di tempo pari a 10 anni. Il rimborso previsto sarà diviso in quote pari alla somma totale divisa per 10.

Per poter presentare la domanda, il contribuente deve avere alcune caratteristiche specifiche.

Leggi anche: Bonus Mobili, valido per l’installazione dell’impianto fotovoltaico

Bonus Mobili, requisiti per accedere alla detrazione Irpef del 50%

Bonus mobili
Pixabay

Per poter usufruire della detrazione è necessario che il pagamento sia effettuato mediante strumenti di pagamento elettronici, al fine di averne la tracciabilità. Altra caratteristica fondamentale è la data di inizio dei lavori.

I contribuenti che hanno già beneficiato del bonus a partire dall’anno 2020 possono comunque raggiungere il nuovo tetto di spesa fissato per il 2021. Il cittadino che ha sostenuto spese per 8 mila euro nel 2020, nel 2021 potrà usufruire del tetto aggiuntivo di spesa pari a 8 mila euro.

Tutto questo è subordinato al periodo di inizio dei lavori di ristrutturazione. Questi ultimi, infatti, devono risultare avviati nel 2020.

Per beneficiare del bonus mobili, quindi, è necessario abbinare all’acquisto dei complementi di arredo anche dei lavori di ristrutturazione edilizia. Dunque, la data di inizio dei lavori di manutenzione deve essere per forza precedente a quella dell’acquisto dei mobili.

Leggi anche: Bonus mobili, è possibile ottenere lo sconto immediato in fattura?

I lavori dovranno essere avviati con decorrenza 1° gennaio 2020. Se gli interventi hanno avuto inizio nel 2019 non sarà possibile usufruire del bonus mobili.