Canone Rai, anche per quest’anno rimangono invariati i requisiti per accedere alla richiesta di rimborso o all’esenzione. Vediamo nel dettaglio. 

Restano invariati per il 2021, i requisiti di coloro che possono richiedere l’esonero del canone Rai. Stando alla normativa vigente infatti, il pagamento del canone diventa obbligatorio nel momento in cui si possiede legalmente un televisore.

I contribuenti che non hanno tra i loro beni dichiarati un sistema di ricezione audiovisiva, hanno la possibilità di compilare una dichiarazione di non detenzione che deve essere presentata entro la data del 31 gennaio.

Si tratta inoltre di una dichiarazione che ai fini dell’esenzione deve essere redatta annualmente. 

Leggi anche: Canone Rai, le categorie esentate dal pagamento della tassa

Canone Rai, come presentare domanda per richiesta di rimborso

Pixabay

Nel caso in cui invece il cittadino si ritrovi a pagare comunque il canone, nonostante possegga i requisiti per poter accedere all’esenzione, questi ha la possibilità di presentare una richiesta di rimborso.

Trattandosi in questo caso di una dichiarazione auto sostitutiva, è importante ricordare che il contribuente che fornisce dichiarazioni mendaci è soggetto a sanzioni pecuniarie. La domanda per il rimborso può essere presentata in via telematica o tramite e-mail utilizzando una Posta Elettronica Certificata. 

Leggi anche: Canone Rai, in arrivo una sorpresa per i contribuenti

Deve essere però in questo caso necessariamente accompagnata da una firma digitale. Si può anche inviare fisicamente la richiesta tramite mezzo postale o consegnando il modulo all’ufficio territoriale di competenza dell’Agenzia delle Entrate.