Cartelle esattoriali
Pixabay

A partire da lunedì 18 gennaio le cartelle esattoriali sospese nel corso del 2020 torneranno ad essere notificate. A renderlo noto le sigle sindacali del concessionario pubblico.

Ormai è ufficiale. Da lunedì 18 gennaio l’apparato di riscossione si rimetterà in moto. Restano ancora da definire le modalità di invio degli inviti. Dopo la mancata proroga della moratoria durata dall’8 marzo al 31 dicembre 2020, famiglie, imprese e autonomi dovranno rientrare del debito contratto con lo Stato.

Ovviamente saranno adottate tutte le precauzione anti-Covid a tutela dei dipendenti di Agenzia delle Entrate-Riscossione (Ader) e dei contribuenti. Si proverà a evitare il rischio di assembramenti e code utilizzando servizi online che permettano di prenotare il proprio appuntamento presso gli uffici.

A rendere nota la mancata proroga sono state le sigle sindacali del concessionario pubblico: Cgil Fisac, Fabi, First Cisl e Uilca. La stima effettuata conta 34 milioni di atti della riscossione arretrati a cui se ne aggiungono altri 16 milioni relativi a rettifiche e avvisi delle Entrate. Il tutto porta a un totale di 50 milioni.

Leggi anche: Cartelle esattoriali, ipotesi stop fino a Marzo nel nuovo Decreto Ristori

Cartelle esattoriali, l’invio delle notifiche

Cartelle esattoriali
Pixabay

Nella nota trasmessa dalle sigle sindacali si legge: “l’attività di notifica delle cartelle e degli atti ripartirà dal 18 gennaio” e “conseguentemente è necessario organizzarsi per rispondere alla domanda di servizi che aumenterà progressivamente”.

Le presenze giornaliere agli sportelli saranno aumentate del 50% negli uffici interni. La richiesta avanzata dai rappresentanti dei lavoratori della riscossione, però, è stata quella di svolgere tutte le attività che lo permettono da remoto.

Leggi anche: Agenzia delle Entrate, annullamento delle vecchie cartelle esattoriali

L’orario di attività degli sportelli continuerà ad essere dalle ore 8.15 alle ore 13.15 ed esclusivamente su prenotazione: “sarà progressivamente aumentato, se necessario, il numero degli slot prenotabili in relazione alle richieste fino a raggiungere, all’inizio di febbraio, l’utilizzo massimo di tutte le postazioni attivabili sulla base delle planimetrie”.