Covid-19, Sicilia: il governatore Musumeci ha dichiarato di aver chiesto al governo di istituire anticipatamente la zona arancione nella regione. 

Il governatore della Sicilia Nello Musumeci ha dichiarato che la Sicilia chiederà al governo di istituire anticipatamente la zona arancione nella regione.

Una richiesta che nasce da un numero di contagi che sale di giorno in giorno e dai reparti di terapia intensiva sempre più pieni. Musumeci, ai microfoni di Sky, ha spiegato che “nonostante l’indice Rt dell’Isola non prevedesse infatti questa classificazione con grande senso di responsabilità, abbiamo così previsto misure più stringenti a salvaguardia del nostro territorio”. 

Il governatore ha poi affermato che la sua amministrazione sta per varare una nuova ordinanza che dovrebbe essere già nella giornata di oggi, spiegando che per quanto riguarda le scuole, gli istituti superiori continueranno con la didattica a distanza “e prevediamo di fermare per alcuni giorni la didattica nelle scuole primaria e secondarie di primo e secondo grado. Si continuerà anche con l’asporto per ristoranti e pizzerie e con il coprifuoco”. 

Leggi anche: Coronavirus, Inghilterra spaventata dalla mutazione: scatta il lockdown

Covid-19, Sicilia: chiesto al governo di classificare la regione come zona rossa

Pixabay

Musumeci ha poi continuato il suo intervento raccontando come “dai rilievi avviati ieri circa il riscontro di alcuni casi di positività a Coronavirus, intercettati nell’area di emergenza- urgenza del Pronto Soccorso, a seguito dell’ormai routinaria attività di esecuzione dei tamponi, è emerso nelle ultime ore qualche altro caso. Pertanto sono complessivamente otto i pazienti risultati positivi in tale area. Tutti isolati e la maggior parte dei quali già trasferiti ai centri Covid”. 

Leggi anche: Pensioni, Ocse: coronavirus mette a rischio sistemi previdenziali nel mondo

Ha poi anche raccontato che inizialmente aveva richiesto al governo di classificare la Sicilia come zona rossa, ricevendo un rifiuto da parte del Ministro della Salute Roberto Speranza.