A Massa Carrara è stata organizzata un’iniziativa contro la povertà. Si chiama Spesa Sospesa e garantisce donazioni alimentari alle famiglie indigenti. 

In provincia di Massa Carrara, è in vigore un’iniziativa che durerà fino alla data del 4 Gennaio 2021 chiamata “Spesa Sospesa”.

Si svolge nel mercato degli agricoltori della zona, e si tratta di un evento in cui Coldiretti e l’associazione Campagna Amica aiutano le famiglie che si trovano in una situazione di indigenza con donazioni alimentari. Un modo per contribuire a lottare contro la povertà sul territorio e cercare di offrire alle persone più bisognose un Natale sereno.

Una stima recente elaborata da Coldiretti sulla base degli ultimi dati forniti dall’Istat, ha attestato come sul territorio vi siano almeno 6 mila famiglie con una spesa mensile media al di sotto della soglia di povertà.

Il Presidente provinciale di Coldiretti Francesco Ferrari ha commentato questa iniziativa spiegando che l’intento dell’associazione è quello di offrire un supporto concreto a tutte quelle famiglie che, in particolar modo dopo la crisi economica scatenata dal coronavirus, stanno attraversando un momento difficile. 

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza, la richiesta di Alleanza contro la povertà

Massa Carrara, iniziativa contro la povertà: le parole del Presidente provinciale di Coldiretti

Pixabay

Un modo dunque, per incentivare la solidarietà nella zona.

È lo stesso Ferrari a spiegare che “la pandemia negli ultimi mesi ha fatto salire il numero di nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto anche per mangiare per effetto della crisi economica e sociale provocata dall’emergenza e dalla conseguente perdita di opportunità di lavoro. Non stiamo parlando di poveri cronici, ma di famiglie che fino a qualche mese fa erano indipendenti ed autonome e che si sono ritrovate costrette a bussare alla porta della solidarietà”.

La constatazione dunque, è che il difficile anno che abbiamo attraversato ha generato dei nuovi poveri che oltretutto molto spesso hanno lavorato in nero in questi anni, motivo per cui non sono riusciti nemmeno ad accedere ai sussidi varati dal governo dopo l’emergenza sanitaria di Marzo.

Leggi anche: La Banca Mondiale al lavoro per il clima e per ridurre la povertà nel mondo

Per questo l’obiettivo di Coldiretti sul territorio è quello di “far sì che tale esperienza non resti limitata a questa occasione ma diventi un fenomeno strutturale”.