Pixabay

WhatsApp Pay, autorizzato il pagamento via app. Zuckerberg può finalmente prepararsi a conquistare il mercato indiano.

È stato finalmente autorizzato il rilascio di WhatsApp Pay, un sistema che consente di effettuare dei pagamenti attraverso l’app di messaggistica più famosa del mondo.

La piattaforma è infatti riuscita ad ottenere l’approvazione dalla Unified Payments Interface (UPI) in India, e adesso potrà essere gradualmente lanciata sul mercato nazionale.

Anche se in realtà, questa funzione era già stata introdotta nel 2018 anche se per numero limitato di utenti, circa un milione in tutto il mondo. La National Payments Corporation Of India ha inoltre stabilito che a partire dal 1 Gennaio 2021 sarà possibile implementare del 30 per cento il limite dei volumi di pagamento che sono possibili sulle applicazione. 

Leggi anche: WhatsApp, una nuova truffa per rubare profilo utenti

WhatsApp Pay, in India un mercato con più di 400 milioni di consumatori

Pixabay

Questo perché nella nazione esiste una normativa specifica per fare in modo che in questo mercato nessun player acquisti una posizione dominante. Ma di sicuro, l’ingresso di WhatsApp in questo settore preoccupa non poco le aziende concorrenti, vista la potenza di fuoco, in termini di tecnologia e investimenti, di cui dispone l’app di Zuckerberg.

E riuscire a entrare nel mercato indiano significa avere accesso a più di quattrocento milioni di nuovi utenti e consumatori. I principali leader del settore dei pagamenti mobile in India sono Google e Walmart. Sarà una vera e propria sfida commerciale considerato che nel prossimo triennio, il mercato indiano sui pagamenti on line dovrebbe raggiungere secondo le previsioni degli analisti, la cifra record di mille miliardi di dollari.

Leggi anche: WhatsApp, attenzione alla truffa del codice a sei cifre