Coronavirus, in arrivo un nuovo decreto ministeriale. Una scelta presa dal governo per provare ad arginare il rapido aumento di contagi delle ultime settimane. 

Il recente aumento dei contagi da coronavirus nel nostro paese avvenuto nelle ultime settimane, desta molta preoccupazione all’interno del governo. E d’altronde, negli ultimi giorni sia il Ministero della salute che l’Istituto Superiore della Sanità hanno confermato come la situazione sia da tenere sotto controllo.

Anche perché il numero dei contagi in questo momento è molto vicino a quello di Aprile. Per questo l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte ha pronto un nuovo decreto sul coronavirus che dovrebbe uscire nelle prossime settimane. Il Dcpm è stato presentato nella giornata di martedì dal Ministro Speranza che ha spiegato che al suo interno vi sono alcune misure restrittive in più ma che al momento il governo si riserva di prendere decisioni più forti soltanto nel caso in cui i contagi aumentassero ancora. 

Leggi anche: Coldiretti, inizia raccolta delle olive dopo crisi coronavirus

Coronavirus, le feste in famiglia hanno causato l’aumento dei contagi?

Si pensa ad esempio a un’ulteriore stretta su tutti i luoghi della movida nonostante l’estate sia ormai alle spalle. Molti virologi sostengono inoltre che questo aumento sia anche dovuto a piccoli assembramenti come ad esempio le feste in famiglia o le cene tra amici, e per questo si potrebbe pensare a imporre dei nuovi divieti circa il distanziamento sociale. In ogni caso bisognerà attendere ancora qualche giorno per conoscere i contenuti di questo nuovo decreto.

In Sardegna intanto un piccolo comune di nome Seui è stato costretto a dichiarare un vero e proprio lockdown. Si fermano dunque le scuole e i locali e vige l’obbligo della mascherina in qualsiasi area pubblica o privata. Il sindaco del paese Marcello Cannas si è dichiarato dispiaciuto della decisione intrapresa sottolineando come si tratta di una misura indispensabile per tutelare la salute pubblica.

Leggi anche: Coronavirus, governo pensa a proroga stato di emergenza