Coronavirus, governo pensa a proroga stato di emergenza. Dopo l’impennata dei contagi degli ultimi giorni, l’esecutivo pensa a nuove misure per contenere la pandemia.

Dopo il rapido incremento dei contagi degli ultimi giorni, il governo guidato da Giuseppe Conte sta riflettendo se prorogare lo stato di emergenza fino alla data del 31 Gennaio 2020. Un’ipotesi che, nel caso in cui si concretizzasse, porterebbe lo stato emergenziale proclamato poco prima della pandemia alla data esatta di un anno. Attualmente, la proroga scade il 15 Ottobre.

Ma la continua comparsa di focolai e una situazione che in Europa risulta decisamente più preoccupante, sta lentamente convincendo gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico della necessità di prolungare lo stato di emergenza. La parola adesso spetta all’esecutivo e sembra che già nel Consiglio dei Ministri che si è tenuto ieri sera, si sia discusso dell’argomento. Inoltre si fa largo dentro il governo anche un’altra idea.

Si pensa infatti di sensibilizzare la popolazione a fare un maggiore utilizzo dell’app immuni attraverso una vera e propria maratona in televisione dedicata all’argomento. Sembra che al momento sia soprattutto il Movimento 5 Stelle a spingere per questa soluzione. 

Coronavirus, l’allarme di Burioni

L’ottimismo di Roberto Burioni è durato meno di una giornata. Ieri mattina infatti il virologo aveva postato sul suo sito Medical Facts un messaggio pieno di speranza e ottimismo, spiegando ai suoi utenti che finalmente la lotto contro la pandemia di coronavirus che messo in ginocchio il mondo intero, stava portando dei risultati concreti.

E invece poche ore dopo sono stati pubblicati i dati suoi nuovi contagi. Numeri che hanno convinto il medico a fare dietrofront. Dal suo profilo Twitter Burioni ha infatti avvertito la popolazione che le cose si stanno mettendo male e che occorre fare ancora massima attenzione perchè il virus sta nuovamente prendendo forza.

Leggi anche: Pensioni, sindacati chiedono Ape Sociale per lavoratori fragili al coronavirus