Brutta sorpresa per gli ambulanti milanesi

Gli ambulanti milanesi stretti tra i controlli delle forze dell’ordine e del piano per la disposizione dei banchi

Pexels

Spesso nei mercati rionali di tutta Italia trovare ambulanti non in regola con le tasse è facile. Nel Milanese lo sanno bene e per questo a Cologno il Comune ha avviato una serie di controlli certosini per verificare la posizione nei confronti della tassa sui rifiuti e l’occupazione di suolo pubblico.

Ben trecento le posizioni controllate e chi a chi risulta non in regola sarà tolto il banco com’è successo a quattordici ambulanti. Le verifiche hanno fatto emergere che risultano morosi delle imposte sui rifiuti dal 2016 al 2020.

Ambulanti milanesi nel mirino dei controlli

I controlli sono stati effettuati quando è stato avviato l’iter per le concessione dei rinnovi che ovviamente saranno revocati a chi non ha pagato. Come riporta Il Giorno nella maggior parte dei casi si tratta di banchi di generi alimentari in modo particolare nel mercato di Cologno Sud dove sono state scoperte otto irregolarità. Altri cinque presso la fiera del centro storico e uno nel rione San Giuliano.

I mercati sono spesso luoghi di discordia per quanto riguarda i posti assegnati e gli spazi. Qualche problema in tal senso c’è a Cusano Milanino con il nuovo assetto che sta scatenando polemiche tra gli ambulanti assegnatari e i residenti.

Caos predisposizione banchi

LEGGI ANCHE: Tasse, l’Iva scende al 5% per questi beni

Il caso andrà in consiglio comunale. I commercianti lamentano che sono stati avvisati della novità solo due settimane prima dell’introduzione. Oltre a non aver avuto tempo di avvisare la clientela si lamenta che c’è troppo poco spazio tra i banchi.

LEGGI ANCHE: Brutte notizie per i lavoratori, tornano i voucher

Problemi particolare in via Montegrappa: qua i residenti lamentano il restringimento di carreggiata e l’insufficiente spazio in caso di passaggio di mezzi di soccorso.

A ciò si aggiunge che c’è un ricorso al Tar Lombardia proprio sulla nuova disposizione del mercato e sugli spazi assegnati. A gennaio dovrebbe attivare la sentenza del giudice che rischia di rimettere tutto in discussione con un nuovo disegno di pianta per gli ambulanti.