Ci sono metodi efficaci per tagliare i costi delle bollette

L’aumento delle bollette di luce e gas pesa in maniera abnorme sulla Vita delle famiglie italiane, ecco alcuni consigli pratici per il taglio dei costi

Taglio Costi Bollette consumatore.com 20221118
Taglio Costi Bollette (Foto AdobeStock)

La crisi energetica scatenata dallo scoppio in febbraio della guerra tra Russia e Ucraina, oltre al pesante tributo di vite umane e di danni materiali, ha generato una serie di effetti collaterali importanti. In primo luogo la minor disponibilità delle materie prime, petrolio, benzina, gas e grano.

In secondo luogo ha scatenato una crisi energetica senza precedenti. Una crisi energetica i cui cascami sono immediatamente visibili nell’aumento, totalmente fuori controllo, del prezzo finale delle bollette di luce e gas.

I dati in tal senso sono chiarissimi. Ad inizio 2022, nonostante la crisi economica, il prezzo del Gas al metro cubo presso il Dutch TTF, acronimo di Title Transfer Facility, di Amsterdam il mercato di riferimento della materia, era poco sopra gli 80 euro determinando un dato al consumo di 0,879 Euro. Oggi, novembre 2022, quel dato è di 1,09. Un aumento del 25%.

Bollette, consigli pratici per il taglio dei costi

Ancora più drammatico il dato della luce che è passata dai 29,7 centesimi al kWh di gennaio agli attuali 66,1 centesimi. Anche qui percentuali di aumento abnormi. Le bollette sono diventate il vero e proprio incubo di imprese e famiglie. Ma il modo per attutire o almeno limitare l’impatto c’è.

LEGGI ANCHE: Tetto ai contanti, ora è ufficiale: ecco il nuovo limite

Il modo è quello di osservare con grande attenzione i consumi specifici, soprattutto lo stand-by inattivo, dei singoli elettrodomestici che abbiamo in casa. Si ma quali sono quelli consumano di più direte voi?

La risposta arriva da una recente ricerca dell’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile la quale, con il supporto di APPLiA l’associazione dei produttori e dell’AIRES l’associazione che riunisce i retailers.

LEGGI ANCHE: Lidl, questo elettrodomestico costa un terzo e ti fa fare bella figura

La ricerca spiega che la parte del leone nei consumi la fanno il frigorifero, che porta via quasi il 25% del totale, la lavatrice che consuma il 15% ed il televisore che assorbe l’8%.
Pertanto fare attenzione alla classe energetica di questi preziosissimi collaboratori di casa consente un abbattimento del 50% del singolo consumo. Un dato più che valido per tenere resistere a questo momento complicato