Dovete ricaricare la PostePay? Potete farlo anche così

Da Poste Italiane arriva una interessante novità che sicuramente permetterà alla sua carta prepagata PostePay di essere ancora più invitante per una fetta sempre più grande di utenti anche provenienti da altre banche

postepay ricaricare
PostePay, come si ricarica? (foto Adobe)

Uno dei servizi più utilizzati da chi è cliente di Poste Italiane è probabilmente la PostePay, la carta prepagata che funziona esattamente come un bancomat e che può essere utilizzata per pagamenti di diversa natura. E che adesso è oggetto di una piccola rivoluzione che la rende molto più utile in altre situazioni in cui prima risultava un po’ scomoda.

Trattandosi infatti di una carta prepagata, il vero problema della PostePay era riuscire a effettuare la ricarica presso i servizi abilitati. Ricaricare una PostePay implica solitamente doversi recare in ufficio postale oppure trovare un Postamat. Ma adesso è attivo un nuovo servizio che semplifica la vita.

Il nuovo servizio di ricarica PostePay, come funziona Open?

ricarica postepay
Come ricaricare PostePay (foto sito ufficiale Poste Italiane)

Abbiamo accennato al fatto che per ricaricare la PostePay solitamente questo è possibile recandosi in ufficio postale versando quindi dei contanti che vengono caricati sulla carta oppure attraverso un’altra carta PostePay oppure una carta BancoPosta. In alternativa è per esempio possibile recarsi in tutti i punti vendita convenzionati PUNTOLIS oppure nelle tabaccherie. Fortunati erano poi i possessori di un conto corrente di gruppo Banca BPM che avevano la possibilità di fare una ricarica sulla PostePay senza problemi.

Leggi anche: Bancomat, dal 1° luglio diventa obbligatorio: fai attenzione

Ovviamente, la maggior parte delle ricariche delle PostePay avvengono però attraverso l’app. Che sia la app BancoPosta che sia l’app PostePay, si può effettuare una ricarica. Attraverso l’app, come spiegato anche sul sito ufficiale è possibile anche ricaricare la carta PostePay con una carta di pagamento aderente al circuito Visa, Visa Electron, VPay e Mastercard. E adesso c’è un servizio in più il cosiddetto servizio PostePay Open. Per poterlo utilizzare dovete scaricare l’app PostePay e selezionare il tab “Gestisci Postepay Open” oppure “Ricarica da altri conti“.

Leggi anche: Libretti Poste, come sapere quanto guadagnerai: il simulatore

Con il servizio PostePay Open si possono quindi aggiungere conti non Poste Italiane sull’app da cui effettuare ricariche. Al momento la lista delle banche abilitate è piuttosto lunga e comprende per esempio BPER, BNL, Findomestic Banca, Intesa Sanpaolo, Unicredit e molte altre anche se fanno sapere dal sito ufficiale Poste Italiane la lista delle banche è in aggiornamento. La commissione per la funzionalità di ogni singola operazione è pari a zero euro anche se rimane la commissione relativa alla ricarica della PostePay nonché gli eventuali costi che la banca da cui viene fatta la ricarica potrebbe applicare.