Bollette, approvato nuovo decreto: chi non riceverà gli aumenti

Approvato dal consiglio dei ministri il nuovo decreto bollette che servirà a riparare i cittadini dai rincari del terzo trimestre

Bollette (Foto Pixabay)

Il consiglio dei ministri ha approvato con la prevista formula del carattere d’urgenza un nuovo decreto bollette. Si tratta di un intervento previsto per assorbire i rincari delle bollette di energia elettrica e gas previsti per il terzo trimestre. Infatti, a partire dal mese di luglio, erano previsti degli aumenti dovuti principalmente alla riduzione dell’erogazione di gas dalla Russia verso l’Europa.

A partire dalle bollette di competenza di luglio, ossia dei consumi che fanno riferimento da luglio, l’energia elettrica costerà il 17% in più e il gas il 27% secondo le società di consulenza. Per l’Arera, invece, i rincari avrebbero superato il 40% per quanto riguarda il gas. Per far fronte a questi rincari previsti il Governo è intervenuto con un nuovo decreto bollette.

Luce e gas, il decreto che salva dai rincari del terzo trimestre

Bollette (Foto Pixabay)

I provvedimenti sono tesi a diminuire il costo totale delle bollette agendo sui costi ulteriori rispetto a quelli dell’energia. Infatti, il decreto prevede l’azzeramento degli onerali generali di sistema nel settore elettrico; la conferma della riduzione dell’Iva nel settore del gas portata al 5% precedentemente e riproposta anche per il terzo trimestre dell’anno in corso. Inoltre, è stato confermato anche il bonus sociale per le famiglie.

Leggi anche: Addio canone Rai, arriva la richiesta ufficiale

Si tratta dell’azzeramento di tutti gli aumenti in bolletta elettrica e gas per tutte le famiglie, quindi le utenze domestiche, particolarmente svantaggiate o per questioni economiche o perché ci sono dei malati gravi in casa. Il riferimento economico è l’Isee che non deve superare i 12.000 euro. Per quanto riguarda, invece, gli altri interventi, per l’energia elettrica fa riferimento a basse utenze elettriche, ossia domestiche oppure piccoli esercizi commerciali o capannoni.

Leggi anche: Bonus in arrivo: così puoi ottenere oltre 600 euro

Per il gas riguarda sia l’uso civile che industriale. I fondi stanziati per coprire queste spese sono del valore di 3 miliardi e 44 milioni di euro. Questa cifra porta a 30 miliardi le spese previste dal Governo per quanto riguarda l’assorbimento dei rincari energetici. La somma prevista per il bonus sociale è di 116 milioni di euro.