Rinnovo reddito di cittadinanza, quando si sblocca: la data

La domanda per il reddito di cittadinanza deve essere rinnovata dopo 18 mesi. Quando arriva la mensilità successiva

Reddito di cittadinanza rinnovo
Reddito di cittadinanza (Foto Pixabay)

Il Reddito di cittadinanza è stato pensato come un sussidio in un arco limitato di tempo, nel quale ci si augura, il beneficiario abbia trovato lavoro. Purtroppo la pandemia e forse anche una disorganizzazione generale ha fortemente rallentato il lavoro dei centri per l’impiego. La povertà del Paese è cresciuta. E con essa anche i richiedenti il sussidio. Ma a tale aumento non è corrisposto altrettamnto reimpiego. Dopo i primi 18 mesi, il beneficiario deve inoltrare la domanda di rinnovo del reddito di cittadinanza.

E’ importante che le condizioni reddituali del nucleo familiare non siano cambiate particolarmente, o semmai in peggio. Se si aggiungono redditi il reddito di cittadinanza potrebbe non essere riconfermato. Oltretutto i percettori con figli a carico hanno diritto anche all’assegno unico, che per il momento viene erogato successivamente al reddito di cittadinanza. Ma si sta pensando di accorpare i due pagamenti.

Reddito di cittadinanza, dopo quanto viene rinnovato

reddito di cittadinanza rinnovo
Reddito di cittadinanza (Foto Pixabay)

Se il richiedente del reddito di cittadinanza ed il nucleo familiare non hanno avuto variazioni reddituali dalla prima domanda, è molto probabile che il rinnovo venga accolto. Si ricorda che dopo i primi 18 mesi è d’obbligo lo stop di un mese, nel quale il beneficiario non riceverà nessun pagamento, neanche l’assegno unico, associato al reddito di cittadinanza.

Leggi anche: RdC, domanda assegno unico decaduta: cosa fa sapere l’INPS

L’Inps per la famiglia risponde ai molti utenti che chiedono quando riceveranno la prima mensilità del rinnovo. Se il pagamento dell’ultima tranche del reddito di cittadinanza è stato ad esempio aprile, il mese di maggio sarà utile per richiedere il rinnovo. Dalle risposte dell’Inps il pagamento successivo dovrebbe avvenire intorno alla metà del mese che segue, quindi per la data del 15 giugno.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza: chi non avrà il bonus di 200 euro

Si ricorda che questa è una data indicativa, l’Inps sblocca le finestre dei pagamenti ogni 15 giorni, quindi presumibilmente a metà giugno si avrà il rinnovo del Reddito di cittadinanza. A seguito del rinnovo, le mensilità successive alla prima dovrebbero seguire il consueto calendario di pagamenti.