Legambiente: la rinascita ecologica inizia dalle periferie

Ricucendo le disuguaglianze, la periferia ritrova la sua identità nell’integrazione tra il territorio e il futuro sostenibile. Vediamo come

Legambiente, la rinascita ecologica inizia dalle periferie
Periferia (Foto Mitch Hodge on Unsplash)

La periferia, prima ancora di comporre un nucleo abitativo e di aggregazione più o meno vasto nelle città, rappresenta un concetto che, nella visione comune, è portatore di una narrazione negativa. In effetti, molte realtà cittadine italiane – senza troppi complimenti – scaricano sulle periferie la deflagrazione di un disagio sociale e la collocazione abitativa delle fasce di cittadini più deboli.

La cultura di massa odierna non è così impreparata a superare quell’ologramma di “ghetto” che viene affibbiato alla periferia; negli ultimi anni, le grandi città, in particolar modo, sono state il teatro di benemerite iniziative di riqualificazione delle zone suburbane, grazie allo specifico sforzo di associazioni culturali o di iniziativa sociale, volto a restituire dignità a un tessuto sociale sovente logorato dalla trascuratezza delle politiche istituzionali.

Pertanto nelle periferie urbane, come luogo di contrasto sociale e ambientale, si è via via infiltrato un attivismo in grado di avviare processi di innovazione civica. Da questo abbrivio, ha avuto luogo, il 26 aprile scorso a Roma , il convegno organizzato da Legambiente, Forum Disuguaglianze e Diversità e Forum del Terzo Settore, dal titolo “Le periferie urbane. Dagli interventi straordinari alle politiche ordinarie”.

Un dibattito, quello sulle periferie, che non si è mai chiuso, ma che il convegno ha interpretato in una chiave nuova, gettato luce su una riflessione divenuta prioritaria, legata alle opportunità offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR): un rimbalzo irripetibile per mettere mano a nuovi strumenti di intervento per capovolgere, come mai è stato fatto, le politiche rivolte alle periferie.

Leggi anche: Le aree nazionali protette saranno digitalizzate, il via libera del Mite

Leggi anche: Legambiente, flash mob a Taranto per l’inaugurazione del Parco Eolico offshore

Il baricentro delle priorità viene dunque spostato, dai termini finora emergenziali all’inedito disegno sul calco del progetto generale di transizione ecologica. Si tratta di occasioni uniche che vanno di pari passo a una sensibilità civica organizzata e programmata: i territori, i cittadini e la rete delle associazioni sono, insieme, messe al centro, di una co-programmazione territoriale e una politica integrata e pubblica.

L’idea di fondo è quella di mettere il piede sull’acceleratore nel processo di transizione ecologica, raggiungendo rapidamente i centri urbani partendo dalle periferie, dove stimolare interventi di efficientamento energetico, ma anche la mobilità sostenibile e la riqualificazione degli spazi pubblici e del verde; senza tralasciare il diritto energetico essenziale e la lotta alla povertà educativa. Non mancano esempi virtuosi già pienamente realizzati: la Comunità Energetica e Solidale di Napoli Est, i Giardini di Pitagora di Crotone, il progetto torinese di Piazza dei Mestieri, tra i tanti.

La giustizia climatica non può che fare la sua parte, fuori da ogni intenzione provvisoria; ed è un fattore niente affatto avulso dalle discriminazioni sociali. Infatti è nei tessuti periferici che “si manifestano – come ha spiegato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente con più evidenza e forza distruttrice gli effetti della crisi climatica e le disuguaglianze sociali, senza che questo si traduca però, nei fatti, in un’azione di policy sistemica e non occasionale.