Libretti Poste, come prelevare allo sportello senza carta

Si può prelevare dai propri risparmi presso gli ATM di Poste Italiane, senza il rischio di dimenticare la carta. Vediamo in che modo

Poste Italiane (Foto Adobe)

Il libretto postale è un “evergreen” tra le forme di risparmio gestito. Nelle famiglie italiane, in media, i figli “ereditano” un libretto di risparmio attivato dai propri genitori, in taluni casi, addirittura poco dopo la nascita; è semplice da utilizzare, non gravano particolari costi di gestione e tutto sommato la semplicità sta anche nelle procedure di prelevamento, se necessario.

I libretti postali hanno davvero una lunga storia dietro di loro; le Poste Italiane li hanno collocati sin dal 1875 e sono ora giunti a noi rinnovandosi nella loro funzione dentro la società dei risparmiatori, ma senza dubbio la veste più evidente è l’evoluzione della forma assunta con il progresso tecnologico. Del “libretto”, ne è rimasto solo il nome; l’ultima “trasfigurazione” lo ha dematerializzato in una carta magnetica.

Poste Italiane, prelevare dai propri risparmi senza la carta. Come fare?

Poste italiane
Ufficio postale (Foto Adobe)

Non possiamo ignorare l’integrazione con i dispositivi entrati profondamente nella nostra quotidianità, spingendo quindi un antico strumento di risparmio verso orizzonti d’uso tecnologicamente avanzati e sino ad oggi inimmaginabili. Nei tempi odierni le pratiche di gestione sono come non mai legate alle modalità d’utilizzo e specificatamente alle esigenze digitali della sicurezza, sia in fase di prelievo che di versamento, il tutto in prima persona.

Oltre ai servizi della piattaforma online e tra le molteplici soluzioni smart, Poste Italiane guarda al progresso dei suoi sportelli automatici ATM Postamat; parliamo di un servizio tutt’altro che marginale nella storia di Poste, dati i suoi settemila apparecchi per il prelievo di contanti sparsi per tutto il territorio nazionale. In piena integrazione con le app per smartphone App Postepay e App BancoPosta, i clienti più “digitali” possono prelevare il denaro dallo sportello senza più utilizzare la carta, bensì lo smartphone.

Leggi anche: Postepay, ‘trucco’ app: cosa fare quando non funziona

Non solo. Abilitando, appunto il Libretto in App BancoPosta, il contante può essere prelevato dal Libretto Smart di cui si è titolari, ma senza appoggiarsi all’uso della Carta Libretto. L’utilità del prelievo cardless è evidente: una garanzia di prelevamento per chi ha bisogno di contanti ma ha dimenticato il portafogli e la carta a casa; un modo, in tempi di tutele igieniche e sanitarie, per ridurre al minimo il contatto con la tastiera dell’ATM.

Leggi anche: Versamenti bancomat, la cifra che fa scattare controlli e sanzioni

I passaggi per prelevare (in fondo, il prelievo cardless non surclassa il prelievo tradizionale, ma lo supporta) sono molto semplici e intuitivi, e non c’è nemmeno bisogno di inserire il PIN. Basterà accedere all’App BancoPosta e selezionare la voce “Prelievo senza carta”; sulla tastiera ATM, selezionare il tasto 9 per generare il QR Code sullo schermo; inquadrarlo e, per i titolari di Libretto Smart, selezionare dall’elenco il Libretto abilitato al servizio; indicare l’importo da prelevare; dare la conferma, infine, inserendo il codice personale Poste ID. In app si può visualizzare la ricevuta di pagamento o attendere quella cartacea allo sportello.