Digitale terrestre, ecco i nuovi canali disponibili da gennaio

È arrivato gennaio e quindi per il digitale terrestre siamo di fronte al primo grande momento di cambiamento riguardo i canali disponibili

Digitale terrestre
Digitale terrestre (Foto Adobe)

Per il digitale terrestre il 2022 è l’anno della svolta, ecco cosa aspettarci nei prossimi giorni.

Le tappe del passaggio che porteranno tutto il nostro Paese a ricevere i canali con la nuova codifica sono ufficialmente iniziate e ci sono le prime grosse novità riguardo le operazioni del cosiddetto refarming, ovvero la riassegnazione delle frequenze.

Vi diciamo subito che, nel caso in cui vi rendiate conto che i canali non sono più visibili, occorrerà fare la risintonizzazione. In questo periodo che potremmo definire di transizione non vi conviene riassegnare, nel caso in cui si fossero spostati, i vostri preferiti ai numeri del telecomando perché con la risintonizzazione perderete questo tipo di personalizzazione. Meglio cercare di navigare in questo momento movimentato e usare magari un post-it per ricordarvi dove si trovano i vostri canali preferiti in attesa dei passaggi definitivi.

Digitale terrestre, cominciata la rivoluzione: ecco i nuovi canali

foto Karolina Grabowska pexels

In questi giorni e per tutto il mese di gennaio ci saranno le prime cinque regioni italiane che si troveranno ad avere i canali su frequenze nuove. In particolare i nuovi canali di cui vi parliamo oggi sono Rai1, Rai2, Rai3, RaiNews24. Le modifiche riguarderanno gli abitanti della Sardegna, della Valle d’Aosta, del Piemonte, dell’Emilia Romagna e della Lombardia.

Leggi anche: Canone Rai, arriva la prima rata e l’avviso in bolletta

Il passaggio alle nuove frequenze si è reso necessario con l’arrivo del 5G che occuperà una parte della banda adesso dedicata alle trasmissioni televisive. Quello che ci guadagneremo come cittadini però sarà una miglior qualità nelle trasmissioni con la nuova tecnologia mpeg4. I canali della Rai si sposteranno poi a febbraio nelle aree del Veneto e poi nelle province di Trento e di Bolzano.

Leggi anche: INPS, bonifico da 600€ in arrivo”. Attenzione all’email sospetta

Marzo sarà poi il momento delle restanti zone del Nord e di una fascia del Centro e del Sud comprendente Sicilia, Calabria, Puglia, Molise, Marche, Basilicata e Abruzzo. Gli ultimi che si troveranno a dover risintonizzare i propri decoder saranno gli abitanti di Lazio, Umbria, Liguria, Campania e Toscana per cui il refarming avverrà orientativamente tra maggio e giugno di quest’anno.