Agenzia delle Entrate: tutte le scadenze di gennaio 2022

Una brutta sorpresa per il contribuente italiano: il 2022 si apre con molte scadenze fiscali. Dall’IVA al canone Rai, quali sono gli adempimenti che i cittadini italiani dovranno pagare entro la fine di gennaio 2022?

Tasse
(Pixabay)

Il nuovo anno si apre con molte scadenze fiscali. I contribuenti dovranno far fronte con gli adempimenti di chiusura del precedente periodo d’imposta, come ad esempio l’esterometro relativo al quarto semestre del 2021 e le spese sanitarie del secondo semestre dello stesso anno.

A fine mese, invece, bisognerà trasmettere la dichiarazione sostitutiva per l’esonero del pagamento del canone Rai: questo esonero riguarda soltanto chi non possiede una televisione, esentati quindi dal versamento dei 90 euro annuali.

Ma non sono gli unici adempimenti a cui ottemperare, vediamo nello specifico tutte le scadenze fiscali di gennaio 2022.

Scadenze fiscali colf e badanti: c’è tempo fino al 10 gennaio

Tasse dichiarazione dei redditi
(Pixabay)

Entro lunedì 10 gennaio i datori di lavoro domestico dovranno versare la quarta rata dei contributi INPS 2021 dovuti a colf e badanti. Questo versamento può essere effettuato nei seguenti modi:

  • procedura online Portale dei Pagamenti: utilizzando la modalità “Pagamento immediato PagoPA” con carta di credito o debito, prepagata oppure con addebito sul conto corrente;
  • soggetti aderenti al circuito Reti Amiche: è possibile collegarsi al sito www.tabaccai.it è possibile trovare una lista di ricevitorie e/o tabaccherie dove poter versare i contributi per colf e badanti;
  • avviso di pagamento PagoPA: accedendo al portale è possibile stampare l’avviso di pagamento che contiene codice avviso, importo da pagare, la data di scadenza e le istruzioni di pagamento. L’elenco degli operatori a ricevere tale pagamento è disponibile nel sito www.pagopa.gov.it.

Scadenze fiscali gennaio 2022: IVA, IRPEF e contributi INPS

Entro il termine fissato per lunedì 17 gennaio 2022, i sostituti d’imposta dovranno effettuare i seguenti adempimenti:

  • IRPEF: il datore di lavoro dovrà versare le ritenute d’imposta per i lavoratori dipendenti e autonomi anticipate nel mese di dicembre 2021 considerando anche le addizionali comunali e regionali. Il versamento dovrà essere effettuato utilizzando il codice tributo 1040 contenuto nel modello F24, periodo di competenza 12/2021.
  • INPS: tramite lo stesso modello F24 si potranno versare i contributi a carico del datore di lavoro.
  • IVA: i contribuenti che hanno l’obbligo di liquidare l’IVA mensilmente dovranno effettuare entro il 17 gennaio 2022 la liquidazione del mese di dicembre 2021. Sarà possibile effettuare il versamento con un modello F24 codice tributo 6012 sezione Erario.

Leggi anche: Partita Iva, arriva un bonus fiscale di 10 mila euro: i dettagli

Scadenze fiscali gennaio 2022: elenchi INTRASTAT

Entro il 25 gennaio bisognerà inviare gli elenchi INTRASTAT alle agenzie, sia per i contribuenti con obbligo mensile (operazioni mensili superiori a 50.000 euro) che per quelli con obbligo trimestrale (operazioni mensili inferiori a 50.000 euro).

L’adempimento consiste nella presentazione degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni e servizi resi nel mesi di dicembre 2021 nei confronti di soggetti appartenenti all’Unione Europea. È possibile presentare gli elenchi nei seguenti modi:

  • per via telematica all’Agenzia delle Dogante tramite il sistema telematico doganale E.D.I.;
  • sempre in via telematica all’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche: Call center, arriva la svolta: cosa accadrà nel 2022

Scadenze fiscali gennaio 2022: ravvedimento operoso acconto IVA

Entro il 26 gennaio bisognerà versare l’acconto IVA nel caso in cui non fosse stato versato il 2021. I codici tributo da indicare nel modello F24 sono i seguenti:

  • 1991: interessi ravvedimento IVA;
  • 6013: versamento acconto per IVA mensile;
  • 6035: versamento IVA acconto;
  • 8904: sanzione pecuniaria IVA.

Scadenze fiscali gennaio 2022: esterometro

Entro il 31 gennaio 2022 bisognerà trasmettere l’esterometro relativo al quarto trimestre 2021. L’esterometro sarebbe la comunicazione della cessione dei beni e dei servizi effettuati e ricevuti verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato: serve per comprendere l’import/export del Paese in questione.

L’invio può essere effettuato solo in via telematica seguendo le regole di compilazione fornite dall’Agenzia delle Entrate.

Scadenze fiscali gennaio 2022: spese sanitarie

Entro il 31 gennaio 2022 si dovranno comunicare le spese sanitarie sostenute dalle persone fisiche relative al periodo che va dal 1° luglio al 31 dicembre 2021.

L’adempimento riguarda i soggetti che hanno già l’obbligo di trasmissione dei dati del sistema TS (Tessera Sanitaria) che predispongono del modello 730 compilato:

  • farmacie;
  • ASL;
  • Aziende Ospedaliere;
  • Policlinici Universitari;
  • professionisti iscritti agli albi;
  • parafarmacie;
  • strutture convenzionate che erogano servizi sanitari.

Scadenze fiscali gennaio 2022: esonero canone RAI

Si potrà fare domanda d’esonero del canone Rai entro il 31 gennaio 2022. L’opportunità di risparmiare i 90 euro interessa chi non possiede nessuna TV in casa.

Per non pagare il canone sarà necessario inviare una domanda di esonero all’Agenzia delle Entrate, utilizzando il modulo di dichiarazione di non detenzione dell’apparecchio televisivo compilando il quadro A.