Partita Iva, arriva un bonus fiscale di 10 mila euro: i dettagli

A partire dal 14 gennaio ci sarà un Bonus fiscale di 10 mila euro per tutte le Partite Iva che non utilizzeranno questi prodotti 

plastica monouso
(pixabay)

Quello che è appena iniziato è un anno importante per tante imprese ma anche per tanti lavoratori autonomi che, a partire dal prossimo 14 gennaio, saranno coinvolti nella riduzione dell’impatto ambientale di alcuni specifici prodotti e strumenti.

Il Governo, infatti, offre interessanti agevolazioni economiche a chi favorisce il transito verso l’utilizzo di materiali meno impattanti sull’ambiente. Proprio per questo motivo sarà erogato un Bonus fiscale di 10.000 euro alle Partite IVA.

Bonus fiscale per partite Iva: in cosa consiste

Corepla, “l'Italia è ancora indietro con il recupero della plastica”
Corepla, “l’Italia è ancora indietro con il recupero della plastica” (foto: pixabay)

Se da una parte il Governo ha messo in campo una serie di aiuti a famiglie ed imprese per fronteggiare la crisi economica derivata dal Covid -19, dall’altro lato a partire dal 14 gennaio saranno messi in campo bonus per le aziende che difendono l’ambiente. A livello europeo sono tante le iniziative che si stanno promuovendo per dare un aiuto concreto al pianeta Terra.

Leggi anche: INPS, Assegno unico: tutto quello che c’è da sapere

Un esempio concreto riguarda proprio un sostegno economico che molti venditori possono ottenere entro gennaio 2022. Si tratta di un contributo fino a 5.000 euro a fondo perduto. Dal prossimo 14 gennaio 2022, inoltre, entrerà in vigore il decreto n. 196/2021 presentato in G.U. del 30 novembre 2021: con l’avvento di tali nuove misure si prospetta un nuovo scenario sull’uso dei prodotti monouso in plastica.

Leggi anche: Allerta Paypal: non rispondete a questo messaggio

A partire dal 14 gennaio si prevede infatti la diminuzione sul mercato di prodotti in plastica monouso. Si tratta di cannucce, piatti, posate e tanti altri prodotti che saranno distribuiti sul mercato fino ad esaurimento scorte e successivamente sostituiti con materiali meno impattanti sull’ambiente. Il decreto prevede, oltre che multe per chi non rispetta le regole, anche delle agevolazioni per imprese ed esercenti.

Nello specifico si tratta di un credito d’imposta del 20% per chi acquista e utilizza materiali e prodotti alternativi alla plastica monouso. Tale credito può raggiungere un valore massimo di 10.000 euro per ciascun beneficiario negli anni 2022-2024.