Cosa fare alla prima accensione di uno smartphone Android

Avete appena acquistato un nuovo smartphone Android e non sapete cosa fare alla prima accensione, ecco allora i passaggi fondamentali per non sbagliare

OnePlus 8 e 9, coccole agli utenti con 3 update Android e 4 anni di supporto
Youtube

La prima accensione è, come suggerisce l’espressione, il momento in cui lo smartphone viene acceso per la prima volta e configurato. Occorre seguire alcuni passaggi perché poi il dispositivo funzioni al meglio e sia rispondente alle nostre necessità.

Se però alcuni passaggi sono abbastanza automatici, soprattutto se vi trovate di fronte uno smartphone Android come sistema operativo originale all’interno (per originale intendiamo le versioni non personalizzate dai vari Brand produttori), altre cose vanno attivate manualmente.

Android prima accensione, i passaggi da non perdere

Amazon Prime Day 2021, pronti a una valanga di offerte?
Amazon Prime Day 2021, pronti a una valanga di offerte? (foto: pixabay)

Alla prima accensione di uno smartphone Android quello che vi verrà chiesto subito è di scegliere la lingua. Un’operazione abbastanza semplice. In seconda battuta vi verrà chiesto di inserire i dati del vostro account Google per poter proseguire con il ripristino dei dati salvati magari sul dispositivo che avevate in precedenza. Questa comodità è il motivo principale per cui conviene sempre avere un account Google attivo sullo smartphone.

Altra cosa da scegliere alla prima accensione è il modo in cui lo smartphone può essere protetto da sguardi indiscreti: i modelli più recenti mettono a disposizione sia il PIN sia il riconoscimento facciale sia le impronte digitali. Scegliete quello che è più comodo per voi. Una funzione interessante e utile soprattutto per chi ha paura di perdere lo smartphone è quella di “Trova il mio telefono”. Se volete attivare la funzione “Trova il mio telefono” nel momento della prima accensione ricordatevi di tenere attivo il servizio di geolocalizzazione.

Leggi anche: WhatsApp, programmare i messaggi: si può fare, ecco come

La funzione “Trova il mio telefono” però non è utile soltanto in caso in cui abbiate smarrito il vostro dispositivo ma anche nel caso in cui lo abbiate semplicemente perso per casa. Se infatti avete un account Google con cui avete fatto login sul dispositivo e andate al sito https://www.google.com/android/find potrete avere una lista di tutto ciò che è collegato al vostro account e, tra le varie opzioni, scegliere di far suonare il dispositivo anche se lo avete messo su “Silenzioso” per poterlo così ritrovare dentro casa.

Nel caso in cui poi vi rendiate conto di averlo perso nel menu Trova il mio dispositivo di Google c’è la possibilità di cancellare tutto ciò che c’è sul dispositivo per poterlo rendere inutilizzabile da chi volesse trarre vantaggio dai dati che avete salvato.

Leggi anche: Whatsapp, l’alternativa ai gruppi: la novità poco conosciuta

Ora che il vostro dispositivo è pronto l’ultima cosa che vi resta è quella di scegliere quale installare tra le app che avevate sul vostro dispositivo precedente. E non dimenticate di installare anche la versione mobile di un antivirus.