Postepay, giacenza media in anticipo: come ottenerla

Sono molti i possessori di Postepay che richiedono la giacenza media per l’Isee. Andiamo a scoprire come ottenerla in anticipo

Postepay
Postepay (Foto Adobe)

La Postepay è uno strumento utilizzato da migliaia di italiani per i propri risparmi. Come tutti gli strumenti finanziari sono soggetti non solo a tassazione ma devono essere presi in considerazione per le varie dichiarazioni. Tra queste una delle più importanti è quella relativa all’Isee. Proprio quest’ultimo, infatti, consente di accedere a una lunga serie di preziosi bonus.

Sostegni economici che risultano estremamente importanti in questo particolare periodo storico. La pandemia, infatti, ha provocato problemi economici a molte famiglie. Poter contare su questo tipo di supporto in alcuni casi è determinante. Tornando al discorso Isee uno delle voci principali è quella della giacenza media. Si tratta dell’importo medio delle somme a credito del cliente in un dato periodo ragguagliato ad un anno.

Postepay: come ottenere giacenza media in anticipo

Postepay
Postepay (Foto dal profilo Facebook)

In vista dell’arrivo del nuovo anno, saranno tantissime le domande per i vari bonus. Per poter chiedere l’Isee sarà necessario presentare la giacenza media non solo della Postepay ma anche delle altre carte e conti correnti. Questa operazione, in genere, si può effettuare dalla seconda metà del mese di gennaio. Questo, comprensibilmente, ritarderebbe le eventuali richieste.

Leggi anche: Bancomat, con quest’errore finisci in questura: non farlo

C’è però una alternativa. Per ottenere in maniera abbastanza celere i dati necessari e relativi alla Postepay è possibile richiedere a Poste Italiane le consistenze patrimoniali. In questo modo avremo accesso al dato relativo alla giacenza media.

Leggi anche: INPS, sms a tutti i pensionati: grande novità dal 2022

Così facendo sarà possibile aggiornare tranquillamente il nostro Isee e conseguentemente presentare la richiesta per ottenere il bonus. Ricordiamo che per quanto concerne l’Isee del 2022 sarà necessario presentare la giacenza relativo all’anno 2020.