Digitale terrestre, bisogna cambiare anche l’antenna UHF?

Una domanda che molti si pongono riguardo al nuovo digitale terrestre è se occorra o meno cambiare l’antenna UHF

Foto Unsplash

Con l’arrivo del nuovo digitale terrestre risulta interessante chiedersi anche che fine faranno le antenne UHF che sono installate su moltissimi tetti.

Il cambio delle frequenze di trasmissione ci sta costringendo a cambiare televisore o decoder per poter continuare a guardare i canali, una volta che le trasmissioni verranno tutte quante spostate e codificate in mpeg4. Ma se state pensando che basti sostituire tv o decoder potreste avere una brutta sorpresa. Se il vostro impianto è infatti dotato di una antenna di vecchia generazione potreste avere interferenze e quindi non ricevere correttamente e nitidamente i canali.

Antenna UHF e digitale terrestre, controllate se è 5G ready

Foto Unsplash

In realtà probabilmente dovevamo aspettarcelo, ma finora ci siamo concentrati sul cambiare decoder o cambiare televisione per poter avere i canali del nuovo digitale terrestre. Le trasmissioni però hanno bisogno di un apparecchio che le riceveva e questo apparecchio è ovviamente l’antenna.

Leggi anche: Digitale terrestre gratis per chi ha quest’età: la novità

Se per esempio avete Sky, avete quasi sicuramente installato una parabola, orientata in modo tale da poter ricevere il segnale migliore possibile dal satellite. Ma prima di Sky anche la televisione tradizionale si agganciava ad un’antenna, di solito posizionata sul tetto. Nel corso degli anni abbiamo progressivamente cambiato le antenne UHF ma adesso con il cambio di frequenze, che in gergo si chiama refarming, potremmo essere costretti anche a dover cambiare di nuovo l’antenna oltre a dover scegliere un nuovo decoder o una nuova tv con decoder integrato.

Leggi anche: Digitale terrestre, decisione a sorpresa della Rai: i dettagli

Infatti, finora le antenne UHF sono state costruite tenendo conto delle vecchie bande di frequenza che non verranno più utilizzate: quelle cioè comprese tra 694 MHz e 790 MHz, bande che verranno lasciate libere per le trasmissioni in 5G. Per essere sicuri di una ricezione ottimale dovete quindi essere certi che la vostra antenna possa operare in questa nuova banda ridotta.

Leggi anche: Bollette, arriva un nuovo rinvio: cosa sta succedendo

Se avete acquistato l’antenna dopo il 2013 avete probabilmente un apparecchio in grado di gestire le interferenze del 4G e potreste non essere costretti ad acquistare le nuove antenne 5G Ready mentre se il vostro impianto è molto vecchio occorrerà sicuramente sostituire l’antenna con un modello aggiornato.