Digitale terrestre gratis per chi ha quest’età: la novità

Pioggia di bonus per il passaggio al nuovo digitale terrestre. Con un emendamento alla Legge di Bilancio in commissione al Senato

digitale terrestre
foto Jeshootscom

La legge di bilancio è al fotofinish. Mancano pochi giorni, infatti, per approvare tutti i provvedimenti economici previsti per il 2022. Entro il 31 dicembre la legge dovrà essere approvata per essere pronta poi per inizio anno con i decreti dei ministri che renderanno operativi i finanziamenti per le iniziative volute dalla maggioranza parlamentare. Negli ultimi giorni per accorciare i tempi e non rischiare è stato proposto un maxi emendamento alla manovra che prevede tutti i bonus e incentivi sui quali la maggioranza è ormai d’accordo.

Digitale terrestre gratis e a domicilio

digitale terrestre
foto Nothing Ahead pexels

In questo modo, si potranno accorciare i tempi. Salvo clamorosi ripensamenti che sono da escludere i contenuti del maxi emendamento saranno tutti approvati senza stralci. Tra questi è previsto, così il rinnovo dei bonus del digitale terrestre. Previsti agevolazioni fino a 30 euro per ogni apparecchio che permetterà ai cittadini di non sostituire il televisore qualora non fosse conforme alla nuova tecnologia prevista.

Leggi anche: Digitale terrestre, decisione a sorpresa della Rai: i dettagli

Il fondo previsto ammonta a 68 milioni di euro portando a 164 i milioni stanziati per il settore nel 2022 tra bonus tv, bonus rottamazione e decoder. In particolar modo, la novità inserita riguarda una fascia di utenti che riceverà il decoder gratis e direttamente a casa. Si tratta degli over 70 che avranno la comoda e conveniente sorpresa. Esiste un requisito ulteriore all’età per ricevere il decoder a domicilio e gratis.

Leggi anche: Digitale terrestre, bisogna cambiare anche l’antenna UHF?

Si tratta del reddito che non deve superare i 20mila annui. Per quanto riguarda la consegna a domicilio, questa è stata possibile grazie ad un accordo con Poste Italiane che si occuperà della consegna dei decoder per questa fascia di pensionati. Un’idea che permetterà a tanti pensionati meno pratici e abituati alla tecnologia e poco inclini a tanti cambiamenti in tal senso ad avere dei vantaggi.