Postepay, in caso di necessità puoi ricaricarla anche così

Sarà capitato a tutti di dover ricaricare la nostra PostePay in strada ma di trovare gli sportelli e gli uffici chiusi. Ecco dunque un metodo per ricaricarla

Postepay

Sempre più italiani si affidano ai servizi delle carte di Poste Italiane come PostePay e PostePay Evolution. Queste carte sono infatti facili da usare e hanno pochissimi costi di commissione.

La differenza tra PostePay e la Evolution è che quest’ultima possiede un IBAN per cui ci si possono accreditare sopra anche gli stipendi mentre la PostePay è una carta ricaricabile per cui, ogni qualvolta lo desideriamo, dobbiamo, per l’appunto, ricaricarla.

Ricarica PostePay, ecco come farla allo sportello ATM

Sportello Postamat (pixabay)

Ricaricare la carta PostePay è davvero molto facile. La ricarica può avvenire negli Uffici Postali con versamento in contanti o con un’altra carta Postepay o BancoPosta; presso gli sportelli automatici ATM Postamat utilizzando un’altra carta erogata da poste italiane o BancoPosta oppure una carta aderente al circuito internazionale Visa, Visa Electron, Vpay, Mastercard e Maestro.

Leggi anche: Assegno unico, novità da gennaio 2022: cosa cambia

Ancora è possibile ricaricare la PostePay a domicilio mediante carte Postamat, Postepay e le carte di debito del circuito Maestro richiedendo il servizio ai portalettere abilitati; online e da app: da postepay.it e poste.it o dalle app Postepay e BancoPosta o nei punti vendita abilitati: nelle tabaccherie e nei punti vendita convenzionati della rete Lottomatica Servizi.

Nel caso di urgenza, dunque, possiamo ricaricare la nostra carta presso un qualsiasi sportello Bancomat anche se, dobbiamo subito dire, che in questo caso la commissione raddoppia rispetto la ricarica in ufficio postale.

Leggi anche: Tumore al seno, ecco i segnali da non sottovalutare

Dagli sportelli ATM è possibile effettuare una ricarica alla carta tramite l’utilizzo di un’altra carta. Questa seconda carta può essere un’altra Postepay, una carta Bancoposta (carta di debito) oppure una carta di pagamento che aderisce al circuito Visa, Visa Electron, Vpay, MasterCard e Maestro (in parole semplici un classico bancomat). La commissione è di 3€ nel nostro in caso di ricarica con carta bancomat e la ricarica massima è di 250 euro.

La procedura da seguire in caso di ricarica bancomat è molto semplice: è sufficiente inserire la carta (sulla quale deve esserci abbastanza credito) nell’apposita fessura, inserire i dati richiesti e successivamente quelli della carta da ricaricare.