Raccolta differenziata, gli errori che possono costare caro

La raccolta differenziata è uno strumento fondamentale per gestire la produzione di rifiuti e limitare al massimo l’inquinamento. Tuttavia, non bisogna commettere certi errori

raccolta differenziata rifiuti
(pixabay)

La raccolta differenziata è uno strumento fondamentale per combattere l’inquinamento del Pianeta proveniente dalla produzione di rifiuti. E’ l’unico modo per limitare i danni che l’uomo causa all’ambiente. Danni che aumentano attraverso lo stile di vita occidentale e il consumismo che non fa altro che produrre anche più rifiuti. Tuttavia, nonostante le campagne informative degli enti locali e le azioni di sensibilizzazioni che arrivano da più fronti, oltre quelli istituzionali, si può ancora migliorare nella raccolta differenziata. Inoltre, spesso i cittadini commettono degli errori facili da evitare nella differenziazione dei rifiuti.

Raccolta differenziata, errori da evitare

raccolta differenziata rifiuti
(Getty Images)

Un errore tipico è quello degli scontrini che spesso vengono gettati nella carta. In realtà gli scontrini fiscali sono fatti con materiale che non può essere riciclato. Vanno, così, gettai nell’indifferenziato. Errore similare si effettua con i cartoni della pizza. Questi vanno nella carta soltanto se sono puliti, come a volte può accadere per la parte posteriore dei cartoni. I cartoni della pizza unti vanno nell’indifferenziato. Il tetrapack, invece, va o nella carta o nella plastica in base all’organizzazione di ogni singolo comune. Molte persone, invece, lo gettano nell’indifferenziato. L’alluminio, invece, spesso viene messo via nell’indifferenziato ed invece si può riciclare al 100%. Va inserito nella raccolta di metalli e alluminio.

Leggi anche: Supermercati, prodotto ritirato d’urgenza: è contaminato

Alcuni comuni hanno la raccolta di plastiche e allumini insieme. Non tutti gli incartamenti dei biscotti, infine, vanno nella differenziata. Alcune confezioni hanno un numero 7 all’interno di un triangolo stampato sulla confezione. In tal caso, significa che la carta non è riciclabile e va, quindi, nell’indifferenziato.

Leggi anche:  Reddito di Cittadinanza, attenzione: così potresti perdere il sussidio

La raccolta differenziata è importante in ottica di rispetto dell’ambiente. L’Italia negli ultimi anni ha fatti dei passi avanti notevoli risultando il paese dell’Unione a riciclare di più. Questa media è stata resa possibile specie nei piccoli comuni. Da migliorare, invece, il riscontro nelle città, soprattutto per le metropoli.