Fisco, approvata la bozza della riforma: le ultime su Partita Iva e catasto

Il Consiglio dei ministri ha approvato la legge delega sulla riforma del fisco: fissati gli obiettivi graduali fino al 2026

Fisco
Calcolo tasse (Pixabay)

Il Consiglio dei ministri ha approvato la delega alla riforma del Fisco. Questa avverrà in maniera graduale, a partire dal 2022 e fino al 2026. Vari gli argomenti toccati: dalle Partire Iva, all’Irap, dal Cuneo Fiscale all’energia green per finire nel tanto discusso catasto. Su quest’ultimo punto il premier Draghi ci ha tenuto a precisare che i cittadini nemmeno si accorgeranno dei cambiamenti. Si tratta principalmente di accatastare immobili ancora abusivi e assegnare la giusta rendita a fabbricati che risultano agricoli ma che in realtà non lo sono. Il tutto, poi, è in programmazione dal 2026.

Riforma del Fisco: i punti principali

Fisco
Calcolo tasse (Pixabay)

Per quanto riguarda il fisco, l’obiettivo è ridurre ancora il cuneo fiscale, ossia la parte relativa all’Irpef delle buste paga dei dipendenti. In questo, il Governo vuole dare continuità a quanto già iniziato dai governo che lo hanno preceduto anche se in maniera lieve e graduale. Per quanto riguarda, invece, le Partite Iva, si cercherà una semplificazione per eliminare adempimenti il cui gettito è di poco conto per i conti pubblici. L’obiettivo principale è semplificare perchè questo aiuta anche a convergere meglio le energie per combattere l’evasione e l’elusione che restano due punti fermi.

Leggi anche:  Bancomat, ecco come prelevare più soldi allo sportello

Chiara la linea del Governo che prevede la graduale semplificazione e riduzione delle tasse alla pari della lotta all’evasione. Le due azioni devono camminare di pari passo per arrivare a pagare di meno purchè paghino tutti.

Leggi anche:  Pagamento bollo auto 2021: attenti a more ed esenzioni

In tal senso è prevista anche la cancellazione dell’Irap e l’eliminazione degli addizionali all’Irpef sempre in ottica di semplificazione. Il gettito dell’Irap va alle regioni per finanziarie la sanità. Il Governo ha precisato che i gettiti saranno comunque garantiti dallo Stato. Infine, sono previsti incentivi fiscali per le conversioni energetiche in ottica di risparmio di energia e rispetto dell’ambiente.