Continua lo sversamento di petrolio in California: danno ambientale incalcolabile

La situazione è ancora critica, ed il sindaco di Huntington Beach, Kim Carr ha vietato l’accesso alle spiagge

mare petrolio
(Getty Images)

Strage di uccelli e della popolazione marina in California; uno sversamento di petrolio in mare ha creato una chiazza nera di dimensioni incredibili. Le autorità locali lo appellano come “uno dei paggiori disastri ambientali della zona”.

L’errore umano si è trasformato in morte faunistica e danni che necessiteranno millenni per essere contenuti. Il petrolio in mare è stato raccolto dalla Guardia Costiera degli stati Uniti nella misura di 3.150 galloni, ma la situazione rimane critica.

Afferma Kim Carr, sindaco di Huntington Beach: “Insieme alle meravigliose spiagge, siamo anche luogo di alcuni dei più sensibili e fragili ecosistemi del sud California. Non sappiamo ancora quanto le spiagge resteranno proibite ai visitatori, saranno necessari ancora giorni per comprendere l’effettiva entità del danno provocato dallo sversamento e per fare una previsione di quanto tempo ci vorrà per ripulire l’area: i danni potrebbero anche aumentare con il passare dei giorni.

Leggi anche: Cavallucci marini in pericolo a Taranto, la pesca intensiva rischia di…

Leggi anche: Il MITE fa ripartire le procedure pro-fossili: la denuncia delle associazioni…

L’ennesima triste notizia; un’altra porzione di riserva naturale contaminata e compromessa indelebilmente. Quando si smetterà di dipendere dall’oro nero? A conti fatti, sono più i danni che i vantaggi.