Come bloccare le chiamate dai call center? Ci sono diversi modi

Si possono evitare chiamate indesiderate bloccando il numero o segnalando i contatti. Esistono diversi modi, sia per cellulare che telefono fisso

Bollette luce gas
(pixabay)

La maggior parte degli utenti ha questo problema: le chiamate indesiderate. E non da parte di contatti familiari, ma di call center o di aziende che in maniera sconosciuta, o meglio, non nota all’utente, inseriscono i numeri telefonici nella propria lista di potenziali clienti. E a poco serve ribadire “Grazie, non sono interessato”, sovente lo stesso numero richiama più volte.

Le leggi sulla privacy sono chiare in tal senso, i dati personali, quali sono i numeri telefonici, possono essere diffusi solo dietro esplicito consenso dell’utente. Ma l’esperienza insegna che numerose persone sono letteralmente assediate da chiamate quotidiane, che spesso si mascherano dietro numeri sconosciuti o prefissi esteri, per poi rivelarsi call center commerciali.

Per evitare che uno stesso contatto continui a chiamare, da smartphone o iPhone, si può bloccare il numero telefonico. Il sistema è semplice. Basta individuare il numero indesiderato dalla lista chiamate, selezionare le informazioni o opzioni, bloccare il contatto, ed il problema sarà risolto.

Inoltre, esistono delle app specifiche per identificare i numeri di telefono che fanno capo a call center o aziende commerciali. Ad esempio CallApp per Android oppure Dovrei rispondere? per Android e per iPhone.

Leggi anche: Stop al reddito di cittadinanza gratis: novità in Italia

Come bloccare le chiamate indesiderate su telefono fisso

truffa
(pixabay)

La procedura per bloccare le chiamate da telefono fisso passa per il Registro pubblico delle opposizioni, istituito con il dpr 178/2010 e aggiornato con il dpr 149/2018. Ci sono quattro modi per iscriversi:

Leggi anche: Postepay, si può prelevare allo sportello senza carta?

In ogni caso, è sempre buona consuetudine, quando si firma il contratto per un’utenza, non esprimere il consenso per la diffusione dei dati personali a finalità commerciali.