Buoni fruttiferi postali, slitta la data di riscossione di luglio

Poste Italiane comunica che a causa dell’emergenza Covid, ci sarà più tempo per riscuotere i buoni fruttiferi postali in prescrizione a luglio 2021

poste
(pixabay)

Il Covid ha causato danni, oltre che ovviamente alla salute, anche a livello economico. Sono state tante, infatti, le misure messe a disposizione dal Governo per fronteggiare l’emergenza.

A scendere in campo per aiutare i propri clienti anche Poste Italiane che ha deciso di far slittare la data entro cui incassare i buoni fruttiferi in prescrizione a luglio 2021. La scadenza per la riscossione dei buoni fruttiferi era infatti al 31 luglio ma adesso ci sarà più tempo per riscuoterli.

Leggi anche: Cashback, la rinuncia ai 1.500€: un dato inaspettato

Riscossione buoni fruttiferi postali, la nuova data

(Facebook)

A dare l’annuncio della proroga della riscossione dei buoni fruttiferi postali è stata la stessa Poste Italiane. Come si legge nell’avviso, per i buoni fruttiferi postali in prescrizione tra il primo luglio scorso ed oggi 31 luglio, si allungano i tempi di riscossione.

Causa pandemia, Poste italiane ha concesso fino al 30 settembre 2021 come data ultima entro cui incassarli. Sempre Poste Italiane ha indicato il numero verde a cui rivolgersi per avere maggiori informazioni: 800 00 33 22. Il contact center è alternativo all’ufficio postale fisico o al sito di Poste Italiane (o quello di Cassa Depositi e Prestiti), altri canali utili per le informazioni.

Leggi anche: Green pass, incontro di Draghi con i sindacati per l’introduzione nei luoghi di lavoro

Ovviamente ricordiamo che l’allungamento dei tempo riguarda solo la possibilità di riscossione. Anche se si arriva a settembre, infatti, i buoni non produrranno più interessi oltre la scadenza originaria. A partire dalla data di scadenza i buoni non producono più interessi e dopo 10 anni si prescrivono.